Como, anziana rapinata nel suo appartamento di via Volta

Indagine della Squadra Mobile

Un'mmagine del malvivente ripreso dalle telecamere di sicurezza ne ha permesso l'identificazione

Un uomo di nazionalità pakistana è stato arrestato il 3 febbraio 2020 dagli uomini della Squadra Mobile su ordine del gip del tribunale di Como. L'uomo è accusato di rapina aggravata e di avere utilizzato carte di credito intestate ad altre persone.

Rapina in un appartamento del centro

La rapina è avvenuta in un appartamento al primo piano di un palazzo di via Volta, situato quasi davanti alla Prefettura. Non si sa come l'uomo si sia introdotto in casa, è escluso che si sia arrampicato fino al balcone. Si pensa piuttosto che abbia seguito la donna (che fa uso di un deambulatore) e abbia approfittato di un momento di distrazione intrufolandosi nell'appartamento. La donna è uscita nuovamente per andare al Carrefour di via Diaz e quando è tornata ha trovato l'uomo ad attenderla che l'ha minacciata intimandole di consegnarle soldi e preziosi. La donna, però, non aveva ori da consegnare al rapinatore il quale ha insisitito per farsi dare la carta bancomat.

Le indagini: bancomat e telecamere

Grazie alle diverse telecamere del centro storico gli investigatori della Squadra Mobile sono riusciti a ricostruire parte del tragitto effettuato dall'uomo: si è recato allo sportello Che Banca di viale Varese dove ha cercato di prelevare. L'operazione non è riuscita perché il bancomat era scaduto. Il rapinatore si dirige quindi verso via Einaudi dove fa perdere le sue tracce.
Tuttavia grazie alle impronte digitali rilevate su un palmare della signora rapinata la polizia riesce a risalire all'identità dell'uomo: un pakistano di 22 anni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'arresto

Nella mattina del 3 febbraio i poliziotti, appostati fuori dall'abitazione dei suoi genitori in provincia di Varese, lo arrestano mentre entra in casa per andarli a trovare. Il giovane si trovava in Italia regolarmente ma aveva perso il diritto di soggiorno dopo che, sopraggiunta la maggiore età, non aveva fatto richiesta di regolarizzare la sua permanenza su suolo italiano. Era stato già denunciato per diversi furti e possesso di oggetti di dubbia provenienza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 10 migliori rifugi sul Lago di Como

  • Quattro ristoranti? Di più, ecco chi sono i master chef lariani

  • Lago di Como come in una favola, il matrimonio di Elettra Lamborghini: le foto social

  • Elettra Lamborghini e Afrojack sul lago di Como per il grande giorno: tutto sulle nozze

  • Mentre Boris Johnson accusa l'Italia, la compagna Carrie Symonds si diverte sul Lago di Como

  • Alserio, al via la Sagra dei sapori della Montagna: la prima mangiata d'autunno

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
QuiComo è in caricamento