menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
grandi-21nov16

grandi-21nov16

Como, a causa degli incidenti quella pericolosa barriera si accorcia sempre di più. La soluzione c'è

In via Grandi a Como, direzione lago, c'è una barriera che divide la carreggiata dal marciapiede e dai parcheggi laterali. Con il passare del tempo, però, quella barriera è diventata sempre più corta. A causa dei numerosi incidenti di auto che...

In via Grandi a Como, direzione lago, c'è una barriera che divide la carreggiata dal marciapiede e dai parcheggi laterali. Con il passare del tempo, però, quella barriera è diventata sempre più corta. A causa dei numerosi incidenti di auto che sbattono contro di essa, i pilastri sono stati divelti come birilli (e mai sostituiti). A portare il caso all'attenzione pubblica e dell'amministrazione comunale è l'ex consigliera comunale Roberta Marzorati (lista Per Como) con una lettera/segnalazione inviata alle redazioni.

Il giorno 18 novembre alle 18.30 un'altra auto si è schiantata contro la barriera bassa che in Via Grandi fa da divisorio tra carreggiata (direzione da San Rocco verso il lago) e corsia per accedere ai parcheggi, corsia usata anche dai pedoni. In questo caso l' incidente, che ha procurato gravi danni al veicolo, è stato causato da una leggera manovra di correzione di traiettoria dovuta ad una vettura che viaggiava alla sinistra e si era spostata verso l' auto responsabile dell' impatto. Tale situazione si può verificare frequentemente e costringere chi viaggia dalla parte più vicina al muretto ad avvicinarsi e se, più del dovuto, sbattere contro la barriera. Comunque questo muretto basso e sottile non è in alcun modo segnalato ed è inevitabile che prima o poi con la scarsa visibilità le auto ci finiscano contro.

Buona parte di questo muretto fatto di pilastrini in cemento è stata demolita dalle auto che si sono incidentate contro di esso, come si può ben vedere sul posto. Si notano infatti le basi dei singoli blocchi, abbattuti da precedenti urti. Mi risulta che a tal proposito siano già pervenute all'ufficio competente segnalazioni circa la pericolosità ma che non sia stato assunto alcun provvedimento in merito. A seguito dell' incidente di venerdì scorso sono stati messi in loco dei nastri bianchi e rossi come segnalazione provvisoria. Recentemente in Consiglio Comunale è stata approvata una mozione che invita l'amministrazione ad adottare paletti segnaletici flessibili, in gomma, in grado di assorbire gli urti e che con strisce riflettenti, risultano visibili anche nei momenti di nebbia o comunque di scarsa luminosità. Mi sembra il caso di affrontare finalmente il problema e dar seguito proprio a questa mozione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Economia

Le 'gonne ruffiane' made in Como conquistano New York

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento