rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca

Como, oltre 60mila giocattoli "pericolosi" sequestrati dalla guardia di Finanza

Il titolare dello store potrebbe dover pagare sanzioni fino a 45mila euro

Sono oltre 67.000 i prodotti potenzialmente pericolosi sequestrati dalla Guardia di Finanza di Como. Siamo vicini a Pasqua e le Fiamme Gialle lariane hanno intensificato i controlli presso alcuni negozi e attività  commerciali per verificare la sicurezza dei giocattoli in vendita ed evitare, al tempo stesso, che nelle “uova di pasqua” destinate ai bambini potessero finire “sorprese” prive dei requisiti di sicurezza.
In questo contesto, l’attenzione dei “Baschi Verdi” si è concentrata nei confronti di un maxi emporio di Como, dove sono stati rinvenuti e sequestrati giocattoli destinati ai più piccoli (in particolare, ovetti in plastica e statuette di pulcini e coniglietti) risultati privi del marchio CE e delle relative dichiarazioni di conformità, che consentono la libera circolazione di questi prodotti all'interno dell’Unione Europea.

Tra le merci in sequestro anche articoli di bigiotteria (tra cui collane, orecchini e braccialetti), senza le dovute indicazioni di provenienza, delle istruzioni per l’uso e delle composizioni merceologiche e oltre 12.000 cartine per tabacco,
“sottobanco”, in completa evasione d’imposta ( mancava la licenza da parte dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli).

Al termine delle attività, il legale rappresentante della società è stato segnalato alla Camera di Commercio di Como-Lecco per le previste sanzioni amministrative che oscillano (in base ai D.Lgs. 54/2011 e al D.Lgs.) rispettivamente da 1.500 euro a 10.000 euro e da 516 euro a 25.823 euro, ma anche all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, che provvederà ad una sanzione tra i 5.000 euro a 10.000 euro. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Como, oltre 60mila giocattoli "pericolosi" sequestrati dalla guardia di Finanza

QuiComo è in caricamento