menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ultimatum del Comune ignorato: la casetta resta sul lungolago

Ultimatum del Comune ignorato: la casetta resta sul lungolago

Clamoroso: i privati portano il Comune al Tar per la casetta. Rimozione in forte dubbio

La vicenda della casetta sul lungolago si trasforma in una battaglia legale durissima e dagli esiti per ora impronosticabili. Stamane infatti al Comune di Como è stato notificato il ricorso al Tar dei privati che hanno materialmente finanziato la...

La vicenda della casetta sul lungolago si trasforma in una battaglia legale durissima e dagli esiti per ora impronosticabili. Stamane infatti al Comune di Como è stato notificato il ricorso al Tar dei privati che hanno materialmente finanziato la costruzione della struttura e che avrebbero dovuto gestirla direttamente, una società di ristorazione. Un colpo inatteso a Palazzo Cernezzi, destinato a creare incertezza anche sulla rimozione forzosa stessa della casetta annunciata giusto ieri per il prossimo 4 giugno.

Con la decisione dei privati di contestare al Tribunale amministrativo la revoca delle concessione comunale prima ottenuta dagli stessi uffici del Commercio, non è più sicuro che l'amministrazione possa e intenda procedere con lo smontaggio del manufatto. Intuibile il motivo: con una battaglia legale in corso, ogni passo diventa estremamente più delicato e suscettibile di ulteriori, eventuali contestazioni. La decisione di Palazzo Cernezzi dovrebbe arrivare entro il weekend ma a oggi la possibilità che si proceda con lo smontaggio il 4 giugno ha le stesse chances della riunucia a procedere. Di certo, dunque, restano solo due cose: la casetta per ora resta sul lungolago e amministrazione e privati si vedranno in Tribunale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento