Il Circolo Ambiente Ilaria Alpi: "Smog, basta tangenziali inutili e centri commerciali"

Anche il Circolo Ambiente "Ilaria Alpi" intervenire nell'ampio dibattito sulla lotta allo smog imperante a Como e provincia. E il presidente Roberto Fumagalli, oltre a invocare maggiore "prevenzione", senza "aspettare che le centraline ci dicano...

via-bastiglia-varesina

"Nel concreto occorre anzitutto agire sull'urbanistica - dice il presidente del circolo "Ilaria Alpi" - già nei Piani di governo del Territorio dei nostri Comuni, piccoli o grandi, occorre favorire la riqualificazione degli edifici residenziali e dei capannoni, incentivando sistemi di riscaldamento e di produzione energetica a basso consumo, ovvero coibentazioni, pompe di calore, pannelli solari. E poi basta coi nuovi supermercati e centri commerciali, che sono grandi attrattori di traffico e di inquinamento, basti pensare al via-vai dei consumatori (anche la domenica!) ma anche dei Tir per la consegna delle derrate, e poi al riscaldamento-condizionamento, e infine alla refrigerazione delle merci, che creano altrettanto consumo di energia e quindi inquinamento".

tangenziale-7sett15-1L'altro rimedio proposto dal Circolo Ambiente è agire sulla mobilità: "Bisogna spostare sempre più quote di traffico dalle strade (auto, camion) alle ferrovie. Pertanto mai più opere inutili e dannose come le nuove tangenziali e autostrade, quindi no alla Pedemontana, alla Varese-Como-Lecco, alle tangenzialine ipotizzate a Cantù. Occorre piuttosto potenziare le ferrovie e rendere più efficienti i treni: noi ad esempio abbiamo proposto (in collaborazione coi Comitati pendolari) la nuova linea ferroviaria Erba-Como, realizzabile con pochi soldi (servono solo pochi metri di binario!) ma che potrebbe spostare molti passeggeri dalle auto private al treno, risolvendo in parte il problema del traffico tra Erba, Cantù e Como, con conseguente contenimento dell'inquinamento".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo dpcm firmato: il calendario delle regole dal 18 gennaio al 5 marzo

  • Nuove restrizioni dal 16 gennaio al 5 marzo, ora si decide se la Lombardia parte arancione o rossa

  • Como, Alberto apre il suo bar in centro: arriva il controllo della polizia locale

  • Lombardia e Como in zona arancione da lunedì 11 gennaio: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Como, cosa aspettarsi dal nuovo Dpcm del 16 gennaio: spostamenti, coprifuoco, ristoranti e palestre

  • Con la Lombardia in zona rossa addio scuola in presenza

Torna su
QuiComo è in caricamento