Lo ha ucciso con un coltello: chi è l'assassino di Don Roberto Malgesini

Si tratta di un tunisino di 53 anni

E' un uomo di 53 anni, di nazionalità tunisina, l'assassino di Don Roberto Malgesini. L'extracomunitario, sul quale prendevano due provvedimenti di espulsione, avrebbe agito con un arma da taglio, verosimilmente il coltello che gli uomini della polizia scientifica della Questura di Como hanno rinvenuto a pochi metri dal corpo, in un'aiuola di piazza San Rocco. Fatale per il prete sembra sia stato un fendente alla gola.
Il tunisno, in Italia da circa trent'anni, si è costituito spontaneamente a una vicina caserma dei carabinieri. Tuttavia sono in corso le indagini per trovare conferme a quanto affermato dal presunto assassino reo confesso.
Gli investigatori hanno ascoltato molte persone che conoscevano il prete e l'extracomunitario, ma per il momento non sembra ci siano testimoni di quanto accaduto. Una cosa pare certa: don Roberto conosceva bene il suo assassino che era tra i senzatetto che quotidianamente aiutava, per esempio, con la distribuzione delle prime colazioni.
Non ha trovato conferme ufficiali la notizia secondo la quale l'assassino di Don Roberto soffrisse di una patologia di tipo psichiatrico.

Qui di seguito i dettagli diffusi dalla Procura di Como.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco cosa cambia se Como entra in zona arancione

  • Cantù, Lidl chiuso fino al 29 novembre per aver violato il Dpcm. Le scarpe non c'entrano nulla

  • Como, chiuso il bar Mitico: multati anche i clienti che consumavano sul posto cibi e bevande

  • Como in zona arancione da domani o dal 4 dicembre? Ma cambia poco

  • Zona arancione, cosa si può fare a Como da domenica 29 novembre

  • Valduce, la ragazza sul tetto dell'auto che cerca la mamma

Torna su
QuiComo è in caricamento