menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
appendino-chiara

appendino-chiara

Ceruti (Cinque Stelle): "Mai così tanto interesse per noi. Anche a Como il vento sta cambiando"

La leggenda narra di decine di iscrizioni a Como e provincia nel volgere di poche ore, dopo le elezioni di Chiara Appendino a Torino e Virginia Raggi a Roma. "Non conosco i numeri - frena subito l'uomo simbolo del Movimento Cinque Stelle nel...

"Inutile nascondere che le vittorie a Torino e Roma hanno portato molto entusiasmo anche a Como - sottolinea Ceruti - Nell'ultimo fine settimana ho partecipato sia a Parolario, sia al festival "Wow" e sono state davvero tantissime le persone che prima quasi faticavano a salutare e che ora invece si informano su di noi, cercano un confronto, dimostrano un interesse molto maggiore rispetto a prima. Il dato più nuovo, se così si può dire, è che tutto questo ha coinvolto molte persone senza particolari ruoli o incarichi pubblici ma anche esponenti di associazioni, categorie, istituzioni. Insomma, anche grazie a Roma e Torino, in molti hanno cominciato a percepire la sostanza del Movimento, andando oltre la famosa etichetta del voto di pura protesta". Il rischio - come per tutti i soggetti politici che improvvisamente ampliano il proprio consenso - è di imbarcare di tutto un po'. "Ma questo non ci preoccupa - dice il capogruppo M5S in Comune - l'iscrizione al nostro Meetup resta gratuita, libera e senza barriere particolari: basta dare nome, cognome, un indirizzo mail, una foto e una breve descrizione e si può far parte del Movimento. Questo non toglie, ovviamente, che se arrivasse uno storico esponente di Forza Italia o del Pd, giusto per fare due esempi, la questione sarebbe totalmente diversa così come le nostre valutazioni".

maroni-24mag16A fronte dell'incremento di simpatizzanti o iscritti - e a dispetto delle vittorie torinese e romana - la Lombardia resta terra abbastanza avara di soddisfazioni, come ha dimostrato anche Milano con il recente 10%. "E' vero - conferma Ceruti - in Lombardia certi numeri sono ancora lontani e siamo impegnati a capire le ragioni. Io qualche idea me la sono fatta in questi anni e penso che pesino molto fattori quali la presenza di blocchi di potere politico economico importanti come Cielle e Cdo di cui certamente non siamo noi gli interlocutori, una sorta di "continuità democristiana" che si manifesta anche nel passaggio del testimone tra le amministrazioni un tempo dominate dal centrodestra e oggi dal Pd che governa tutti i capoluoghi di regione, e il nostro portare avanti temi scomodi come l'applicazione dell'Imu su tutti gli immobili di natura commerciale della Chiesa o lo stop al fiume di risorse che finisce alle scuole private quasi sempre cattoliche a danno degli istituti pubblici. Poi certamente spetterà a noi mettere a punto una proposta politica che risulti convincente per gli elettori, ma elementi come quelli appena citati pesano. Roma e soprattutto Torino, però, città che tutto sommato non viveva certo lo sfascio della Capitale, insegnano che le sfide possono essere vinte".

Si torna a Como e specialmente alla prima esperienza di Luca Ceruti in consiglio comunale. "Che idea mi sono fatto? Innanzitutto che in molti lavorano poco, sia in maggioranza sia in opposizione - attacca Ceruti - Non conto le volte in cui più di un consigliere, a inizio seduta, mi ha chiesto di cosa si sarebbe parlato quella sera stessa. Troppi consiglieri mi paiono in aula giusto per schiacciare il bottone, a parte forse i prossimi mesi pre-elettorali quando tutti cominceranno stranamente a parlare, intervenire, proporre, avviare iniziative. Già da qualche tempo consiglieri muti per 4 anni hanno preso a svolgere un'attività frenetica, perché tra un anno si vota. Ecco, quello è l'esatto opposto del nostro approccio".

Lucini-6feb16"Rispetto a giunta e maggioranza - risponde sul punto specifico Ceruti - mi pare che il centrosinistra sia stato per certi versi sfortunato visto che ha ereditato situazioni oggettivamente difficilissime da risolvere per chiunque. Ma, nello stesso tempo, molti di quei problemi non hanno fatto un solo passo avanti e abbiamo anzi assistito a un incaponimento su strade che palesemente non avrebbero portato da nessuna parte oppure a compiere gravi errori. Fa ridere, oggi, che quella compattezza si sia già trasformata in una gara la distinguo personale pur di salvare se stessi. Lucini? Era un ottimo capogruppo d'opposizione, magari sarebbe stato un buon assessore ma non è stato all'altezza del suo ruolo da sindaco, sbagliando anche la scelta delle persone di cui circondarsi. Mi spiace per lui, ma non ha funzionato e bisogna prenderne atto".

Rapinese-6feb16Liquidata ogni ipotesi di alleanza o apparentamento con qualche altra forza di opposizione ("Assolutamente impossibile"), Ceruti si sofferma un attimo su Alessandro Rapinese da più d'uno visto quasi come un "grillino mancato". "Qualche punto di contatto c'è e sicuramente lui ha una grande capacità di intercettare la protesta dei cittadini su vari temi - afferma il capogruppo M5S in Comune - Ma mi pare che a livello di associazioni e categorie si faccia una enorme fatica a considerarlo come un interlocutore affidabile, magari in ottica di governo".

sopralluogo-paratie-7giu15-4A breve anche i Cinque Stelle di Como sceglieranno il loro candidato sindaco. I rumors danno lo stesso Ceruti in assoluta pole position, ma lui non si sbilancia. "Perché non posso farlo - dice - la decisione del candidato viene presa collegialmente e tramite la consultazione degli iscritti, magari vagliando più opzioni ma comunque in totale libertà e autonomia. Noi stiamo già preparano il programma da tempo, poi toccherà alla scelte delle persone". E se - per ipotesi - Como fosse la "nuova" Torino tra un anno, paratie e Ticosa non farebbero paura anche ai grillini? "Certo che sì, sono temi enormi e complicatissimi. Servirebbe circondarsi di alte professionalità di tutti i tipi: tecniche, legali, amministrative per poter sciogliere i nodi e anche, come a me pare la strada migliore, i contratti ereditati. Timori e difficoltà a parte, comunque, il vento è cambiato anche per noi. Sono straconvinto che l'anno prossimo faremo molto bene anche a Como. E a quel punto ci occuperemo anche di paratie e Ticosa".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Como: "Bambini silenzio, a mensa non si parla o prendete la nota"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento