Cronaca

Casetta, il Comune va al Consiglio di Stato. Ma i privati vogliono ricostruirla subito

Continua - ormai rischiando lo sconfinamento nello psicodramma - il braccio di ferro tra la società Chops e il Comune di Como sull'ormai celeberrima casetta sul lungolago, prima autorizzata, poi bloccata, infine smontata di forza e ora - forse -...

Ultimatum del Comune ignorato: la casetta resta sul lungolago

Continua - ormai rischiando lo sconfinamento nello psicodramma - il braccio di ferro tra la società Chops e il Comune di Como sull'ormai celeberrima casetta sul lungolago, prima autorizzata, poi bloccata, infine smontata di forza e ora - forse - in procinto di tornare. Oggi pomeriggio, infatti, la giunta comunale ha deliberato di ricorrere al Consiglio di Stato contro il primo verdetto del tribunale amministrativo milanese che aveva ridato i crismi di piena regolarità alla concessione di suolo pubblico concessa in origine dagli uffici del Commercio di Palazzo Cernezzi ai privati.

casetta-smontata-3Una decisione che ha spinto immediatamente la società Chops a chiedere al Comune di poter rimontare la struttura nello stesso posto a partire da oggi stesso. Una domanda ancora inevasa, poiché - come afferma l'amministrazione con una nota - "per quanto riguarda l'applicazione dell'ordinanza del Tar e quindi la possibilità di riposizionare il manufatto, mancano agli atti alcuni documenti che sono stati, pertanto, richiesti dagli uffici alla società".

Insomma, il pasticcio lievita ogni giorno di più.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casetta, il Comune va al Consiglio di Stato. Ma i privati vogliono ricostruirla subito

QuiComo è in caricamento