I carabinieri di Cantù smantellano giro di spaccio tra Como, Varese e Bergamo: 7 arresti

Tra le accuse anche l'estorsione ai danni del proprietario di una sala slot a Mozzate

All’alba di oggi, 16 giugno, nelle province di Como, Varese e Bergamo, i carabinieri di Cantù, con l’aiuto del Nucleo Cinofili di Casatenovo (LC) e del Nucleo Elicotteri di Orio al Serio, hanno arrestato per ordine del GIP del Tribunale di Como 7 persone (5 sono state portate in carcere, mentre 2 sono già dietro le sbarre per altri reati).
Secondo l’accusa, insieme ad altri 6 (denunciati però in stato di libertà), a vario titolo avrebbero partecipato allo spaccio di sostanze stupefacenti, a svariate estorsioni, oltre che a detenzione e porto abusivo di armi.

L’indagine, condotta dai carabinieri della Stazione di Mozzate, era partita nel gennaio del 2018 grazie a intercettazioni, tabulati e analisi dei sistemi di videosorveglianza, ma soprattutto con lunghi ed estenuanti appostamenti e pedinamento da parte dei militari dell’Arma.

È così che gli inquirenti hanno potuto documentare l’attività di un ben radicato e organizzato gruppo criminale, con a capo alcuni cittadini albanesi, che avevano a libro paga diversi italiani che facevano da palo o da vedetta. Il settore criminale era lo spaccio di droga e la gang era talmente ben organizzata logisticamente da poter fornire anche un servizio di consegna a domicilio nei locali pubblici o nei luoghi di ritrovo più frequentati di Mozzate, Turate, Limido Comasco, Olgiate, ma anche di Tradate e Cislago, nel Varesotto.

I carabinieri sono poi riusciti anche a delineare i ruoli specifici di ciascuno degli indagati nello spaccio della cocaina (e in misura minore di marjuana ed hashish), individuando capi e fornitori.

Inoltre i militari hanno scoperto anche diversi episodi di estorsione (ad aprile e maggio 2018) nei confronti del proprietario di una sala slot di Mozzate, dal quale gli indagati erano riusciti ad avere, con minacce a mano armata, decine di migliaia di euro.

Sono oltre 200 gli episodi di spaccio documentati durante l’indagine, con l’identificazione di 70 acquirenti;

Durante poi le perquisizioni di questa mattina, 16 giugno, i militari hanno trovato 60 gr di hashish, 20 gr di cocaina, suddivisa in dosi, e 3 bilancini di precisione, una pistola modello Smith & Wesson calibro 38 special con matricola punzonata e 10 proiettili (di cui 5 inseriti…), una pistola Desert Eagle calibro 44 Magnum, ottenuta con un furto in provincia di Savona, con 2 caricatori con 5 proiettili dello stesso calibro e 8 proiettili calibro 765.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gemelli uccisi, al funerale la lettera della madre e 'Un senso' di Vasco Rossi per l'ultimo straziante saluto

  • E' morto l'uomo ghepardo di Como

  • Como cancella l'Iva e diventa un Duty Free a cielo aperto. Obiettivo: attrarre gli stranieri

  • Statale Regina: multe salatissime e ritiro immediato del mezzo per chi circola senza assicurazione

  • Multa fino a 1.500 euro per chi pesca un siluro e non lo ammazza

  • Brienno, morto il motociclista caduto in galleria

Torna su
QuiComo è in caricamento