Cronaca

A Cantù il prestito in biblioteca è digitale: sperimentazione per e-book

Il Comune di Cantù aderisce a Medialibraryonline, una piattaforma che permette di consultare via internet contenuti digitali di ogni tipo: audio, video, banche dati, e-book, audiolibri, quotidiani nazionali e internazionali. Si tratta di una...

ipad-quicomo

Il Comune di Cantù aderisce a Medialibraryonline, una piattaforma che permette di consultare via internet contenuti digitali di ogni tipo: audio, video, banche dati, e-book, audiolibri, quotidiani nazionali e internazionali. Si tratta di una convenzione che l'Ente di piazza Parini stipula con il consorzio bibliotecario nord-ovest per poter attivare questo servizio. Cantù è la biblioteca centro-sistema per conto del sistema bibliotecario comasco, di cui fanno già parte 25 biblioteche della Brianza. La fase di sperimentazione partirà a novembre 2012 e avrà la durata di circa un anno (dicembre 2012). Un anno di tempo, dunque, per capire la portata del progetto e fare le dovute valutazioni. Per usufruire della piattaforma Medialibraryonline, basterà essere un utente regolarmente registrato in biblioteca: tramite una username e una password, gli utenti potranno accedere alle informazioni presenti e chiedere eventualmente in prestito file digitali. Funziona, dunque, come una normalissima biblioteca con il vantaggio della rete. Essendo una piattaforma on-line, infatti, l'operazione potrà avvenire anche da casa, qualora impossibilitati a recarsi personalmente in biblioteca: "E' uno sviluppo dei sistemi bibliotecari a cui noi ci uniamo", dichiara l'assessore alla cultura, Francesco Pavesi: "Non si vuole certo sostituire il libro, ma soltanto incrementare l'offerta e avvicinare al mondo dell'editoria digitale quanto più pubblico possibile. Questo progetto permette l'accessibilità alle informazioni anche agli utenti in condizione svantaggiata". Il costo complessivo del progetto è di 11 mila euro, somma totale che viene ripartita per tutto il sistema delle 25 biblioteche aderenti. Naturalmente, qualora il progetto avesse successo, la convenzione potrà essere stipulata di anno in anno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Cantù il prestito in biblioteca è digitale: sperimentazione per e-book

QuiComo è in caricamento