rotate-mobile
Giovedì, 29 Settembre 2022
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cantù: guerra a suon di pistole ad acqua

Quando in città non succede niente e la calura estiva diventa insopportabile, l’unico rimedio consigliato è l’acqua. Potrebbe essere stato questo il movente che ha spinto i proprietari di tre bar di Cantù (Bar Commercio, 7’s Joe Cafè e La...

Quando in città non succede niente e la calura estiva diventa insopportabile, l’unico rimedio consigliato è l’acqua.

Potrebbe essere stato questo il movente che ha spinto i proprietari di tre bar di Cantù (Bar Commercio, 7’s Joe Cafè e La Pergola), a inaugurare ieri sera la prima serata “guerra con pistole ad acqua”. O forse semplicemente è stata la voglia di divertirsi.

In ogni caso, ieri sera piazza Garibaldi a Cantù, è diventata un campo di battaglia. Uniche armi concesse: pistole ad acqua, liquidator, bacinelle e secchi. Divise da combattimento: infradito, vestiti leggeri, possibilmente in costume. L’acqua è stata gentilmente offerta dai rubinetti dei tre bar, diventati per l’occasione le roccaforti della battaglia, ma anche la fontana pubblica è stata abbondantemente utilizzata. Gli ideatori di questa guerra fra bande, sono stati Emanuele Baserga, del bar La Pergola, Massimo Fontana (guarda l'intervista) del 7’s Joe Cafè, e Luca Lietti del Bar Commercio.

In realtà, il motivo principale per cui si è deciso di occupare spiritosamente la piazza dalle 22.30 di ieri sera fino a circa le ore 1.30, è stato semplicemente perché si è avvertito, fin troppo nitidamente, il vuoto organizzativo per l’estate canturina 2011.

Irene Savasta
Si parla di

Video popolari

Cantù: guerra a suon di pistole ad acqua

QuiComo è in caricamento