menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cantù, Turkish Kebap chiuso per 15 giorni: ritrovo di persone pericolose, troppe liti e schiamazzi

La decisione presa per tutelare la sicurezza dei cittadini, dopo l'attività di controllo dei carabinieri della compagnia di Cantù

Oggi pomeriggio, 4 luglio, è stato emesso dal Nucleo Opertivo e Radiomobile di Cantù, un provvedimento per la chiusura dell'attività Turkish Kebap, in via Roma. In questo caso, ad essere monitorate, non erano le norme per il controllo del Covid, ma le attività dove si sono verificati problemi di ordine pubblico e sicurezza. Troppe liti e schiamazzi difronte a questo locale. Non più tardi della notte tra mercoledì 1 e giovedì 2 luglio, c'era stata una rissa, dove sono intervenute alcune pattuglie a sedare gli animi e si sono trovate difronte due giovani feriti alle gambe e alla testa. Era scoppiata una lite per motivi davvero futili. All'interno del locale due ragazzi nordafricani, con un coltello e una bottiglia di vetro, si erano messi a minacciare gli altri perchè, a loro dire, non era stata rispettata la fila per la consumazione. Questa non era la prima volta che vedeva il Turkish Kebap protagonista di episodi violenti e sopra le righe, per cui ,nella proposta alla Questura di Como (finalizzata alla chiusura del locale), il Nucleo Operativo e Radiomobile di Cantù, ha fatto presente come questo fosse un luogo abituale di ritorvo di persone pericolose e che spesso abusavano anche di alcool. Un luogo dove, anche in passato, si sono verificate molte liti con schiamazzi molesti. 

Alla luce dei fatti, quindi, per tutelare la sicurezza dei cittadini, è stata disposta la chiusura del Turkish Kebap per 15 giorni, a partire da oggi, 4 luglio. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Nuovo Decreto Draghi, prevale la linea dura fino al 31 luglio: le regole

Coronavirus

Arriva il passaporto vaccinale europeo, ecco come funziona

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento