menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il container abusivo abitato dall'uomo arrestato

Il container abusivo abitato dall'uomo arrestato

Cantù: arrestato un cittadino dell'Est. Nella sua abitazione abusiva trovati documenti falsi

Scoperto grazie alle segnalazioni dei cittadini

Nei giorni scorsi i cittadini di Cantù avevano segnalato alla polizia municipale un’abitazione abusiva. Un container da cantiere, perfettamente attrezzato e piazzato in largo 2 Giugno a mo’ di bungalow, con tanto di allaccio alla rete sia idrica che elettrica. I cittadini avevano anche visto spesso uno stesso individuo entrare e uscire dall'abitazione. Per questo motivo i vigili del comune comasco hanno effettuato un sopralluogo ieri, 8 luglio, alle prime luci dell'alba insieme alla polizia giudiziaria e all'unità di tutela del territorio. Nonostante fosse molto presto, l'uomo non era però all'interno del fabbricato ma aveva lasciato lì alcuni documenti d’identità, relativi a un cittadino rumeno di 38 anni. In quel momento, proprio alla presenza degli investigatori, è arrivato sul posto anche il proprietario del terreno, un 60enne residente in città che diceva di aver “prestato” gratuitamente il terreno e il bungalow a un dipendente di un'azienda canturina. Ma secondo lui il nome del locatario non corrispondeva a quello sui documenti trovati all'interno del bungalow. Per questo motivo gli agenti si sono presentati nell'azienda dove il giovane lavora e hanno fermato un uomo con un passaporto ucraino che riportava un terzo nome, con il quale erano anche stati compilati i documenti relativi all'assunzione in azienda. Il giovane quindi è stato fermato perché le autorità potessero procedere a verificare la validità di tutti i documenti, carte d'identità e passaporti, che erano saltati fuori durante l'indagine e che riportavano sue fotografie.
Presto gli agenti hanno scoperto che il documento rumeno era falso, per questo motivo il 38enne è stato processato con rito direttissimo e ha patteggiato una pena di 14 mesi. Sono però ancora in corso una serie di accertamenti sulla vicenda, in particolare a carico del sessantenne canturino per l'abuso legato al bungalow sul suo terreno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Lombardia, nuova ordinanza: intere province in arancione "scuro"

WeekEnd

Le 5 migliori gite del weekend in zona gialla sul Lago di Como

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento