Cronaca

Bilancio, scaduti i termini. Scontro Rapinese-Frisoni. Interverrà il prefetto

Un ponte del Primo Maggio polemico, quello tra il capogruppo di Adesso Como, Alessandro Rapinese, e l'assessore al Bilancio, Paolo Frisoni. Al centro della contesa vi è la mancata approvazione del rendiconto di bilancio 2014, cioè il documento che...

Frisoni: "Brutto spettacolo gli acchiappa-clienti dei locali"

Un ponte del Primo Maggio polemico, quello tra il capogruppo di Adesso Como, Alessandro Rapinese, e l'assessore al Bilancio, Paolo Frisoni. Al centro della contesa vi è la mancata approvazione del rendiconto di bilancio 2014, cioè il documento che fissa in maniera definitiva i conti del Comune per l'anno scorso. La scadenza prevista dalla legge perché i consigli comunali approvino il rendiconto è il 30 aprile, ma la delibera non è ancora approvata in aula. Soltanto la giunta, nella seduta di mercoledì scorso, ha dato il prima via libera, poi servirà quello della commissione consiliare ad hoc (discussione fissata per il 5 maggio prossimo) e infine il documento contabile approderà in consiglio comunale. Come minimo, dunque, per la chiusura dell'iter servirà almeno un'altra quindicina di giorni, a dispetto dei termini di legge (per la verità, non rispettati da moltissimi comuni italiani, tanto che l'Anci aveva chiesto al governo una proroga a causa delle difficoltà legate ai tagli dei trasferimenti, ai meccanismi della nuova contabilità, al riaccertamento dei residui e ad altro ancora ndr).

alessandro-rapinese-in-consiglioAd ogni modo, alla luce dello sforamento, Rapinese attacca proprio l'assessore al Bilancio attraverso un'interrogazione già depositata nella quale sottolinea che a ottobre Frisoni, quando entrò in carica, promise "di ripartire di slancio per dare risposte ai bisogni della città", e chiedendo "quali sono le ragioni per cui non sia stato consentito di discutere in consiglio comunale il bilancio consuntivo entro i termini imperativi imposti dalle leggi dello Stato italiano". Infine, il consigliere chiede se "il sindaco sia soddisfatto dello slancio fornito dall'assessore all'amministrazione comunale".

"Il termine del 30 aprile effettivamente non è stato rispettato per quanto riguarda il voto in consiglio, ma non è ultimativo come sostiene Rapinese - ribatte dal canto suo l'assessore Paolo Frisoni - Quello che accadrà ora è che il prefetto di Como ci invierà una comunicazione segnalando il mancato rispetto della scadenza, e chiedendo le esatte motivazioni che noi comunque siamo pronti a fornire. Inoltre sarà indicato un tempo limite entro cui adempiere. Nel contempo, però, l'iter di approvazione è avviato e credo che entro il 15 maggio sicuramente il rendiconto 2014 sarà votato dal consiglio comunale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bilancio, scaduti i termini. Scontro Rapinese-Frisoni. Interverrà il prefetto

QuiComo è in caricamento