rotate-mobile
Cronaca

Como, Inverigo, Cabiate e Cantù: scoperti lavoratori in nero e irregolari in bar e ristoranti

Controlli della Finanza: sanzionate due persone positive al covid che avevano violato la quarantena

Gli uomini della guardia di finanza della compagnia di Erba hanno scoperto in un bar di Inverigo un lavoratore irregolare di nazionalità italiana e, successivamente, in una pizzeria situata nel comune di Cabiate hanno trovato un lavoratore in “nero” di nazionalità egiziana. Un altro lavoratore in “nero”, di nazionalità italiana, è stato poi individuato in un bar di Cantù. Nei confronti dell’esercizio canturino, è stata richiesta la sospensione dell’attività in quanto, nel giorno del controllo da parte dei finanzieri, i lavoratori in nero accertati superavano la soglia del 10% della totalità dei lavoratori impiegati. Nel contempo, i finanzieri del gruppo Como, nel capoluogo lariano, hanno scoperto 4 lavoratori irregolari, tutti di nazionalità italiana (due lavoravano in un ristorante e due in un bar).

Le fiamme gialle comasche hanno eseguito, inoltre, 530 controlli in materia di green pass (obbligatorio a partire dallo scorso 6 agosto per poter usufruire di taluni servizi all’interno di attività commerciali, quali bar e ristoranti al chiuso). In particolare, è stato effettuato il controllo di 60 esercizi commerciali, riscontrando 4 irregolarità (2 datori di lavoro e 2 clienti). Sono stati, inoltre, scoperti 2 persone che, positive al covid-19, avevano violato la quarantena obbligatoria. Dei 60 esercizi controllati, 2 sono stati sanzionati in quanto sprovvisti dalla cartellonistica covid-19.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Como, Inverigo, Cabiate e Cantù: scoperti lavoratori in nero e irregolari in bar e ristoranti

QuiComo è in caricamento