Il piccolo Riccardo, alla nascita solo 460 grammi: una storia a lieto fine

Può finalmente tornare a casa il piccolo Riccardo Raso,  insieme a mamma Maria Elisabetta e papà Denis. La sua è la storia di un bimbo  prematuro, il più piccolo che sia mani nato all’ospedale Sant’Anna di Como. Alla sua nascita, avvenuta alla...

Può finalmente tornare a casa il piccolo Riccardo Raso, insieme a mamma Maria Elisabetta e papà Denis. La sua è la storia di un bimbo prematuro, il più piccolo che sia mani nato all’ospedale Sant’Anna di Como. Alla sua nascita, avvenuta alla 26esima settimana, pesava appena 460 grammi (peso che poi è sceso ulteriormente per il calo fisiologico a 380 grammi) ed era lungo 28 centimetri. La sua è una storia di speranza e di lotta per la sopravvivenza. Alla conferenza stampa indetta oggi all’ospedale Sant’Anna di Como, a cui ha preso parte la famiglia del bimbo (erano presenti anche i nonni), sono intervenuti anche i medici che hanno curato Riccardo prima e dopo la sua nascita: Mario Barbarini, primario di terapia intensiva e neonatale, Renato Maggi, primario di ostetricia e ginecologia, e la caposala della Tin, Anna Maria Alessi. Una storia a lieto fine: mamma e papà emozionatissimi, non riescono a trattenere le lacrime: Riccardo è nato il 14 marzo scorso ed è rimasto in ospedale per quattro mesi. Adesso pesa tre chili, ed è in buona salute: “Abbiamo potuto tenerlo in braccio la prima volta dopo tre mesi”, spiegano i genitori di Riccardo, i signori Raso, Maria Elisabetta, impiegata di 29 anni e Denis, idraulico di 30.

“I bambini che nascono così sottopeso, possono andare incontro a tante complicanze, da problemi respiratori alla necrosi dell’intestino”, spiega il dottor Barbarini. Le statistiche fornite dai primari, illustrano il dato di sopravvivenza: circa il 2% dei bimbi nati sotto i 500 grammi riesce a sopravvivere senza gravi problemi. Il reparto di Como segue circa 45 bambini l’anno nati con un peso inferiore ai 1500 grammi e sotto le 30 settimane di gestazione, con una sopravvivenza complessiva dell’87.5% nel 2011, rispetto alla media internazionale del 84% circa. Nella Tin vengono ricoverati tutti i bambini che richiedono una stretta sorveglianza clinica. Il reparto adopera diverse soluzioni per permettere uno sviluppo armonico del bambino: la canguro-terapia, ovvero la possibilità per la madre di tenere adagiato sul grembo il bimbo nonostante sia attaccato ai macchinari e una tradizione di “care”, ovvero permette ai genitori di stare sempre a contatto con i propri piccoli per rafforzare la relazione mamma-bambino. Il dottor Maggi ricorda come il caso del piccolo Riccardo Raso abbia certamente creato discussione sul da farsi: “La decisione stessa di fare un cesareo non è facile. Ho consigliato di far nascere il bambino. Abbiamo informato i genitori del possibile rischio ma se avesse avuto anche una sola settimana in meno, non so che cosa avremmo deciso”.

Si parla di

Video popolari

Il piccolo Riccardo, alla nascita solo 460 grammi: una storia a lieto fine

QuiComo è in caricamento