Cronaca

L'autosilo torna gratis per i dipendenti del tribunale. Comune condannato a risarcirli

Il Comune di Como condannato a risarcire gli abbonamenti che ha fatto pagare ai dipendenti del tribunale. Dallo scorso gennaio, infatti, il Comune aveva annullato le tessere di abbonamento gratuito dei dipendenti (mantenendo solo quelle dei...

autosilo-via-auguadri

Il Comune di Como condannato a risarcire gli abbonamenti che ha fatto pagare ai dipendenti del tribunale. Dallo scorso gennaio, infatti, il Comune aveva annullato le tessere di abbonamento gratuito dei dipendenti (mantenendo solo quelle dei magistrati) per il parcheggio dell'autosilo di via Auguadri. I quasi 70 dipendenti, però, assistiti dall'avvocato Giuseppe Gallo hanno fatto ricorso alle vie legali. Oggi la sentenza: il Comune e Csu (società partecipata che gestisce i posteggi a pagamento) sono stati condannati. Il Comune dovrà risarcire circa 40 euro per ogni abbonamento mensile pagato da ciascun dipendente del tribunale per i primi quattro mesi dell'anno e 65 euro per ogni abbonamento mensile acquistato del periodo maggio-giugno-luglio. Si parla quindi di circa 350 euro per ogni dipendente, gravati da interessi e rivalutazione monetaria. Non solo, il Comune dovrà risarcire anche le spese legali che ammontano a oltre 3mila euro. Assolto completamente, invece, il Ministero di Grazia e Giustizia.

Il sindaco di Como Mario Lucini in una nota stampa ha commentato: "Aspettiamo di leggere le motivazioni ma per quanto riguarda il Comune di Como quella che è in gioco è una questione di equità e quindi non ci fermeremo. Non esiste che il Comune di Como debba pagare il parcheggio ai dipendenti di un altro ente, neanche se si tratta dei dipendenti del Tribunale".

Secondo l'avvocato Gallo, però, l'atto illecito l'ha commesso proprio l'amministrazione comunale: "Il Comune ha compiuto un atto arbitrario, e a dire questo non siamo solo noi ma è stato lo stesso Ministero. Infatti, l'amministrazione comunale non aveva il diritto di chiedere i soldi ai dipendenti, ma si sarebbe dovuto rivolgere al Ministero. Ora la sentenza diventa immediatamente esecutiva e i posteggi dei lavoratori torneranno gratuiti".

L'autosilo fu costruito con i finanziamenti di 5 miliardi di lire messi a disposizione dal Ministero che a seguito di precisi accordi ottenne la disponibilità gratuita di 200 posti (150 per i dipendenti e 50 per i magistrati). "Anche e soprattutto per questa ragione - ha concluso l'avvocato Gallo - il giudice ha accolto il nostro ricorso".

il tentativo di conciliazione al quale sono stati invitate le parti è andato a vuoto. Il Comune proponeva il pagamento di un abbonamento di 40 euro al mese (anziché 65) i dipendenti chiedevano un abbonamento di massimo 13 euro. Fallito il tentativo di conciliazione è arrivata la sentenza: posteggi gratis e condanna a carico di Comune e Csu.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'autosilo torna gratis per i dipendenti del tribunale. Comune condannato a risarcirli

QuiComo è in caricamento