menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Autosili e parcheggi al collasso, Valduce chiuso a fasi alterne: sosta delirio a Como

C'è da augurarsi una cosa (che, fortunatamente, ha buone probabilità di essere vera): che la situazione di oggi sia quella di un "normale" sabato di primavera, per di più nel bel mezzo di un ponte festivo. Il che - per arrivare al punto -...

C'è da augurarsi una cosa (che, fortunatamente, ha buone probabilità di essere vera): che la situazione di oggi sia quella di un "normale" sabato di primavera, per di più nel bel mezzo di un ponte festivo. Il che - per arrivare al punto - significherebbe che il delirio da caccia al parcheggio non sia legato se non in minima parte all'apertura di Expo. Perché se invece così fosse, allora Como sarebbe di fronte a un problema gigantesco: il collasso delle strutture di sosta centrali in città per mesi e mesi. Da stamattina, infatti, per i moltissimi turisti in arrivo a Como trovare un parcheggio è un'impresa titanica, disperata. In particolare, vien da sé, nei due più importanti sfogatoi alle porte della città murata, l'autosilo privato di via Lecco - mentre scriviamo temporaneamente chiuso perché stracolmo - e quello pubblico di via Auguadri, che registra code record dalle 10. Ma c'è di più e i cartelli parlano chiarissimo: alle 16.15, ora in cui sono state scattate le foto, anche i posteggi di via Sirtori e del Valduce segnavano chiaramente "posti zero". Con il conseguente collasso della viabilità attorno e, in generale, nei pressi di tutto il centro.

Qui, dunque, si torna all'inizio: resta da sperare che gli ingorghi di queste ore siano soltanto il frutto "classico" del mix ponte festivo-bel tempo-primavera. Quindi che sia da escludere la possibilità che l'overbooking della sosta derivi in qualche modo legato dall'avvio di Expo e da un afflusso straordinario di gente a Como. Altrimenti - se davvero l'esposizione universale avesse il potere di moltiplicare i visitatori da qui alla sua fine - per il capoluogo, le sue strade, i suoi abitanti e i visitatori stessi si prospetterebbero 6 mesi infernali. Con la necessità assoluta e tassativa, a quel punto, di prevedere in tempi più che celeri un piano straordinario di offerta di sosta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia torna in zona arancione da domenica 24 gennaio

social

Lago di Como, Casa Brenna Tosatto: l'arte della bellezza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento