rotate-mobile
Cronaca

L'auto diretta in Svizzera con a bordo 4 persone (ma l'autista non sa chi siano)

In manette il passeur, un turco 34enne accusato di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina

L'auto era partita da Milano ed era diretta in Svizzera. Quattro le persone a bordo, ma l'autista non sapeva neanche chi fossero. Un uomo di 34 anni, cittadino turco senza precedenti in Italia, è stato arrestato lunedì pomeriggio a Milano con l'accusa di favoreggiamento aggravato dell'immigrazione clandestina dopo essere stato sorpreso in auto con quattro profughi. 

A bloccato, mentre il gruppo viaggiava a bordo di una Volkswagen Golf con targa svizzera, sono stati gli agenti delle volanti che hanno fermato la macchina in via Rosellini, in zona Isola. Dopo aver identificato il guidatore e i 4 passeggeri - un 33enne, un 32enne, un 22enne e un 18enne - i poliziotti si sono insospettiti perché il conducente non ha saputo spiegare chi fossero le altre persone in auto né come mai fossero con lui.  Dopo tutte le verifiche del caso, è emerso che si trattava di quattro curdi fuggiti dalla Turchia attraverso la Bosnia, la Croazia e la Slovenia. Entrati in Italia irregolarmente, i quattro avevano poi incontrato il 34enne in zona stazione Centrale ed erano partiti alla volta della Svizzera. Il viaggio sarebbe costato 700 euro a testa, pagati all'uomo dalle famiglie dei quattro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'auto diretta in Svizzera con a bordo 4 persone (ma l'autista non sa chi siano)

QuiComo è in caricamento