Autisti Cgil contro i tagli ai bus: "Comune e Provincia intervengano"

I tagli alle corse degli autobus di Asf Autolinee (circa 200 in totale, 77 solo sulle tratte urbane) hanno suscitato grande malcontento tra gli utenti. tagli che si aggiungono all'aumento delle tariffe dei biglietti e degli abbonamenti. Anche i...

I tagli alle corse degli autobus di Asf Autolinee (circa 200 in totale, 77 solo sulle tratte urbane) hanno suscitato grande malcontento tra gli utenti. tagli che si aggiungono all'aumento delle tariffe dei biglietti e degli abbonamenti. Anche i sindacati scendono in campo e prendono posizione in appoggio ai cittadini e tuonano contro l'azienda di trasporto, ma non solo, anche contro Comune e Provincia che sono soci di Spt Spa, cioè la holding che possiede il 51% di Asf Autolinee. Nella conferenza stampa di questa mattina (1° marzo 2011) nella sede della Cgil in via Italia Libera 23 a Como, sono state espresse diverse critiche alla politica aziendale di Asf, ma sono emerse anche tante proposte-

Il segretario generale della Cgil di Como, Alessandro Tarpini, proprio in virtù dell'ampia varietà di proposte da parte dei sindacati ha lanciato un invito a convocare gli stati generali del trasporto pubblico affinché anche gli Enti pubblici (Comune e Provincia) possano confrontarsi con gli utenti e gli autisti per trovare nuove soluzioni che non penalizzino il servizio di trasporto ai danni di quanti ora si troveranno senza più autobus vicino a casa o al lavoro (Guarda l'intervento →)

Gli autisti di Asf Autolinee, in prima linea nel doversi scontrare con il malcontento degli utenti penalizzati dai tagli alle corse e dall'aumento dei prezzi dei biglietti, invocano l'intervento di Comune di Como e Provincia. Walter Gatti, autista membro della segreteria Filt-Cgil, spiega che "questi due Enti sono soci proprietari di Spt Spa, la holding che detiene il 51% di Asf Autolinee. Proprio in virtù del fatto che sono pubbliche amministrazioni dovrebbero lottare per un servizio a favore dei cittadini" (Guarda l'intervento →).

Maurizio Micale, autista della linea urbana, ha evidenziato alcune delle criticità maggiori legate ai tagli delle corse cittadine sul capoluogo, a partire dalla linea 9 incorportata nella linea 4. Gravi disagi per i pensionati. (Guarda l'intervento →). E poi c'è larea del Bassone ad Albate che è rimasta completamente sguarnita dai mezzi, tanto che non c'è più un bus che arriva fino al carcere Bassone. Grave disagio, quindi, per i parenti dei carcerati. (Guarda l'intervento →).

Amleto Luraghi, sindacalista dei pensionati (segretario Spi-Cgil) ha affermato la necessità da parte delle istituzioni di fare una scelta di campo sul trasporto pubblico e ha ricordato alcuni dati che dimostrano come le categorie più penalizzate dai tagli al servizio e dagli aumenti dei prezzi del traporto pubblico siano quelle più deboli: "Voglio ricordare che in provincia di Como gli ultra settantenni sono il 14% della popolazione, mentre sul Comune di Como la percentuale sale a 18,5%". (Guarda l'intervento →)

Si parla di

Video popolari

Autisti Cgil contro i tagli ai bus: "Comune e Provincia intervengano"

QuiComo è in caricamento