Autisti picchiati a Como, ecco perchè due migranti sono stati assolti: "Riconosciuti per suggestione"

Le motivazioni della sentenza della Corte d'Appello. L'aggressione, il 5 giugno 2018, aveva portato a Como il Ministro dell'Interno Salvini

Il Ministro dell'Interno Salvini a Como con i due autisti aggrediti

Aggressione agli autisti di Asf a Como, due migranti assolti perchè "riconosciuti per suggestione".
Sono state pubblicate le motivazioni della sentenza con cui la Corte d'Appello di Milano ha assolto i due migranti gambiani finiti in carcere e accusati, insieme ad altri due richiedenti asilo, di aver aggredito e picchiato due autisti di un bus di Asf a Como, in piazza Vittoria, il 5 giugno 2018. 

Come riporta il Corriere della Sera, le «dichiarazioni» rese nel processo, anche dalle vittime del pestaggio, che li hanno riconosciuti come responsabili «sono contraddette da una pluralità di dati probatori» di segno opposto e quei riconoscimenti sono stati causati probabilmente da «una suggestione», perché i due erano già stati arrestati come presunti colpevoli.

Video intervista: gli autisti picchiati raccontano: "Eravamo già stati aggrediti"

Cancellata dunque in appello la condanna di primo grado a 1 anno e 9 mesi, ridotte le pene degli altri due imputati nigeriani.

Una vicenda che aveva suscitato enorme scalpore a livello nazionale, portando a Como anche il ministro dell'Interno Matteo Salvini, intervenuto a un vertice in Prefettura in cui aveva anche incontrato i due autisti aggrediti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Corte d'Appello nelle motivazioni della sentenza sottolineano come i due migranti assolti erano stati arrestati «a distanza di circa un’ora dagli eventi nel mentre si trovavano in un giardino pubblico» e che non hanno «posto in essere alcuna condotta» di opposizione all’arresto. Per i giudici, poi, non c’è prova che abbiano partecipato all’aggressione. Lo stesso sostituto pg Celestina Gravina aveva chiesto di assolvere i due migranti segnalando, così come i loro difensori, che i due erano stati riconosciuti in modo erroneo come gli aggressori degli autisti

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 10 migliori rifugi sul Lago di Como

  • Quattro ristoranti? Di più, ecco chi sono i master chef lariani

  • Lago di Como come in una favola, il matrimonio di Elettra Lamborghini: le foto social

  • Elettra Lamborghini e Afrojack sul lago di Como per il grande giorno: tutto sulle nozze

  • Mentre Boris Johnson accusa l'Italia, la compagna Carrie Symonds si diverte sul Lago di Como

  • Alserio, al via la Sagra dei sapori della Montagna: la prima mangiata d'autunno

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
QuiComo è in caricamento