menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ausiliario sosta accusato di corruzione, i proprietari del ristorante: "Siamo estranei ai fatti"

Il dipendente del Vecchio Borgo indagato insieme all'operatore di CSU non lavora più per il ristorante da inizio anno

I proprietari del ristorante Il Vecchio Borgo di piazza Matteotti a Como hanno diffuso una nota stampa relativa alla notizia che vede indagati e accusati di corruzione un ausiliario della sosta e un dipendente del locale. L'ausiliario della sosta, secondo quanto ricostruito dalle indagini coordinate dalla Procura di Como e condotte dagli agenti della polizia locale avrebbe ottenuto pranzi gratis in cambio della sua "clemenza": in poche parole avrebbe evitato di comminare multe al dipendente e ad altri clienti del ristorante.

L'amministratore della società Fanny Group Srl, Mario Piva, ribadisce forte che "le accuse di reato riguardano un dipendente di CSU e un dipendente, e non gestore, del ristorante". Dunque, il gestore e lasocietà Fanny Group "sono estranei a qualsiasi coinvolgimento, così come i soci e l'amministratore unico". Il dipendente, tra l'altro, non lavora più per il ristorante già da inizio anno.

La Fanny Guest, dunque, quale gestore del locale "attende gli sviluppi del procedimento penale e si riserva di tutelarsi in sede giudiziale contro i soggetti responsabili del danno economico e di immagine".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Tutti i segreti della città fantasma

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento