Mercoledì, 22 Settembre 2021
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anticorruzione sulle paratie, tre consiglieri: "Trasparenza negata". Lucini: "Tutto corretto"

Una professione di tranquillità e una risposta alle accuse di scarsa trasparenza sulla vicenda sollevate da 3 consiglieri in particolare (l'esponente di Adesso Como, Ada Mantovani, il consigliere Marco Butti (FdI) e la collega della Lista Per Como...

Una professione di tranquillità e una risposta alle accuse di scarsa trasparenza sulla vicenda sollevate da 3 consiglieri in particolare (l'esponente di Adesso Como, Ada Mantovani, il consigliere Marco Butti (FdI) e la collega della Lista Per Como, Roberta Marzorati). Su queste due linee si è snodato il breve intervento del sindaco Mario Lucini (sopra il video integrale), ieri sera in consiglio comunale, in merito alla convocazione inviata a Palazzo Cernezzi dall'Autorità Nazionale Anticorruzione sul progetto paratie. Innanzitutto, il sindaco ha confermato che l'incontro previsto per oggi è stato "spostato a martedì prossimo a Roma". Sull'istruttoria aperta dall'Autorità, il sindaco ha affermato che "consideriamo assolutamente positiva questa convocazione perché la consapevolezza dei contenuti significativi della variante ci fa vedere con favore il confronto con Anac". Sulla presunta reticenza, Lucini ha parlato di "atteggiamento che ritengo corretto quanto fatto in termini di comunicazione, ho comunicato quanto ritenevo doveroso in sede pubblica ma dobbiamo anche salvaguardare il lavoro degli uffici per la delicatezza della materia".

Sui rilievi mossi nella lettera di convocazione inviata da Roma (il gigantesco aumento dei costi e la revisione progettuale avviata in particolar modo dal 2012, ndr) Lucini ha minimizzato parlando di "criticità a note a noi e condivise anche con i consiglieri di minoranza". ada-mantovani-9feb15Come detto, prima delle parole del sindaco, la consigliera Ada Mantovani si era detta "stupita" del fatto che nel pieno della discussione sul tema delle paratie, nel consiglio comunale precedente, Lucini avesse parlato "soltanto di approfondimenti quasi auspicati mentre dall'Autorità Anticorruzione sono giunte effettive richieste di approfondimenti e allora mi chiedo se non sarebbe stato opportuno che il sindaco ci avesse informato con maggiore completezza". Parole molto simili, queste, a quelle espresse anche dalla consigliera Roberta Marzorati. Inoltre, Mantovani ha stigmatizzato il fatto che "nelle relazioni abbiamo letto di questioni tecniche ma in nessun modo o in modo poco approfondito quando la questione sia stata affrontata con pareri giuridici".

Anche Roberta Marzorati ha puntaot sul fatto che "alla mia richiesta di conoscere se l'Autorità avesse fatto richieste specifiche mi sia stato risposto dal sindaco di no, e invece non è così. Sarebbe bene dire le cose come stanno e muoverci tutti insieme per ridare a Como il suo lungolago". Terza posizione sullo stesso piano, quella del consigliere Butti che - riferendosi alle domande poste sulle motivazioni della convocazione del Comune da parte dell'Anac e parlando delle repliche ottenute - ieri ha parlato di risposta "monca e balbettante" accusando il primo cittadino di aver "smarrito l’essenza della trasparenza".

Si parla di

Video popolari

Anticorruzione sulle paratie, tre consiglieri: "Trasparenza negata". Lucini: "Tutto corretto"

QuiComo è in caricamento