rotate-mobile
Cronaca

Narcotizzata e violentata mentre era incosciente: arrestato anestesista comasco

La denuncia era stata fatta il 12 luglio scorso

Pesantissime le accuse rivolte al medico anestesista dell'ospedale Villa Aprica di Como: violenza sessuale con aggravanti. Pochi i dettagli sulla vicenda e le indagini sono in corso. Essenziale ribadire che l'ospedale non ha alcun ruolo ne responsabilità in merito e che è estraneo ai fatti. L'uomo, 53 anni, avrebbe già dato la sua versione al gip di Busto Arsizio. Secondo quanto riportato su La Provincia la donna, un'infermiera, sarebbe stata narcotizzata con un farmaco e poi violentata mentre era priva di sensi. La violenza si sarebbe consumata nella casa del dottore a Saronno. L'uomo nega fermamente e ha parlato di rapporto consenziente. Esisterebbe però la registrazione di una telefonata ad incastrarlo: in questa conversazione il medico ammetteva l'abuso. Il 53enne avrebbe spiegato quella telefonata dicendo che avrebbe ammesso di averla abusata, ma solo per liberarsi di lei. 

Il medico è stato  arrestato dai carabinieri di Turate e portato in carcere e oggi, 4 agosto, sarà sentiro dal giudice delle indagini preliminari di Busto Arsizio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Narcotizzata e violentata mentre era incosciente: arrestato anestesista comasco

QuiComo è in caricamento