Sabato, 23 Ottobre 2021
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alberto Arrighi condannato a 30 anni di carcere

La sentenza a carico di Alberto Arrighi per l'omicidio del benzinaio Giacomo Brambilla è stata letta oggi alle 17.30 nell'aula Ulpiano del Tribunale di Como: il giudice Lo Gatto ha disposto una pena di 30 anni di carcere al termine dei quali...

La sentenza a carico di Alberto Arrighi per l'omicidio del benzinaio Giacomo Brambilla è stata letta oggi alle 17.30 nell'aula Ulpiano del Tribunale di Como: il giudice Lo Gatto ha disposto una pena di 30 anni di carcere al termine dei quali seguiranno 3 anni di libertà vigilata. La sentanza lascia soddisfatti i famigliari di Brambilla (la moglie Domenica Marzorati e il padre Luigi). Soddisfazione anche per il risarcimento: 600mila euro complessiva a titolo di provvisionale per i parenti della vittima.

Il risarcimento - A titolo di provvisionale è stato previsto un risarcimento di 150mla euro per la moglie di Brambilla, 150mila euro per il figlio, 100mila euro ciascuno per padre, madre e fratello di Giacomo.

I commenti - La moglie di Giacomo Brambilla ha affidato il suo commento a caldo all'avvocato Anna Maria Restuccia: "Siamo molto soddisfatti. La sentenza va al di là di quanto sperato, nel senso che dopo la pena detentiva di 30 anni è stata prevista una pena di 3 anni di libertà vigilata". Fabio Gualdi, anche lui legale della famiglia Brambilla, ha parlato di "un bel lavoro" svolto dal pm Antonio Nalesso e dal giudice Maria Luisa Lo Gatto. Luigi Brambilla, padre di Giacomo, ha commentato tra le lacrime: "La giustizia ha fatto il suo corso, gli altri faranno il loro".

Si parla di

Video popolari

Alberto Arrighi condannato a 30 anni di carcere

QuiComo è in caricamento