Cronaca Lungo Lario Trento

Il blitz dei vigili non blocca i venditori abusivi: sul lungolago un esercito di cappellai

Il sequestro del giorno prima è stato poco efficace. Ne abbiamo contati una dozzina

A poco o a nulla è servito l'intervento dei vigili di Como che il 24 aprile 2018, sulla passeggiata cosiddetta "Zambrotta", hanno effettuato un sequestro di gadget e cappelli che venivano venduti da alcuni ambulanti abusivi. Il giorno dopo, nella mattinata di un 25 aprile affollattissimo di turisti, nella stessa zona del lungolago di Como, soprattutto nei pressi della biglietteria della navigazione, abbiamo contato circa una dozzina di venditori di cappelli abusivi.

La scelta del luogo di vendita è strategica. A quell'ora, intorno a mezzogiorno, quando il sole è quasi a picco, c'erano moltissimi turisti in coda per acquistare un biglietto per i battelli. La tentazione di acquistare un cappello per ripararsi dai raggi del sole era tanta. Affari d'oro, dunque, per gli abusivi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il blitz dei vigili non blocca i venditori abusivi: sul lungolago un esercito di cappellai

QuiComo è in caricamento