Lunedì, 27 Settembre 2021
Cronaca

"A Como 212 euro a famiglia, 19esimi meno cari in Italia": contropiede Magatti sulla Tari

Nel pieno del caloroso dibattito sull'aumento della Tari, ieri l'assessore all'Ambiente Bruno Magatti è scattato in un contropiede piuttosto riuscito, metà a dispetto di una "innocente scivolatina" numerica. In merito alla polemiche sul rincaro in...

Nel pieno del caloroso dibattito sull'aumento della Tari, ieri l'assessore all'Ambiente Bruno Magatti è scattato in un contropiede piuttosto riuscito, metà a dispetto di una "innocente scivolatina" numerica. In merito alla polemiche sul rincaro in vista a Como, infatti, innanzitutto Magatti ha spiegato che l'impatto sulle tasche dei contribuenti sarà più vicino al 3,75 che non al 5% di cui si è sempre parlato sinora (assessore compreso, invero). Ma, soprattutto, Magatti ha poi sfoderato un'indagine condotta da Federconsumatori alla fine del 2014 sul costo della Tari in tutti capoluoghi italiani. Un'indagine un po' datata e calibrata nello specifico su una sola tipologia di famiglie (3 componenti in 100 metri quadrati) ma tutto sommato, salvo clamorosi rincari applicati dalle singole amministrazioni nel frattempo, realistici ancora oggi.

Ebbene, Magatti ha innanzitutto punzecchiato direttamente il capogruppo dei Cinque Stelle, Luca Ceruti - storicamente tra i più critici dell'appalto andato ad Aprica - definendolo "gran maestro" e poi pescando come primo confronto con Como la città di Parma, governata appunto da un primo cittadino grillino.

"A Parma - ha detto Magatti - una famiglia di 3 componenti che vive in un appartamento di 100 metri quadri paga 291 euro". Sbagliato, in realtò, perché a Parma, l'indagine di Federconsumatori indica una cifra media di 260 euro (la media nazionale è 290 euro). Poi l'assessore all'Ambiente ha spiegato che "a Varese di pagano 227 euro (giusto, ndr), mentre a Como, che nella graduatoria delle città meno costose è al 19esimo posto (su 110, ndr), dunque non messa malissimo, si pagano 212 euro. E adesso, con questo incremento del 3,75% (non ancora votato dall'aula, ndr) andremo alla 23 esima posizione. Di questo stiamo parlando".

Qui trovate lo studio integrale di Federconsumatori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"A Como 212 euro a famiglia, 19esimi meno cari in Italia": contropiede Magatti sulla Tari

QuiComo è in caricamento