Venerdì, 19 Luglio 2024
Case vacanza

Turismo, l'esempio di Barcellona: dal 2028 adddio affitti brevi

Verranno cancellate 10mila licenze per uso turistico

Nelle città turistiche, e Como non fa certo eccezione, trovare casa in affitto è diventato quasi impossibile. Pochi immobili e prezzi alle stelle. Il dilagare dei B&B è probabilmente una delle cause più importanti. E c'è chi, come ad esempio Barcellona, sta cercando di porre rimedio per venire incontro alle esigenze dei residenti.

Infatti, le oltre 10mila licenze per uso turistico degli appartamenti attualmente concesse dal comune di Barcellona non verranno rinnovate alla loro scadenza, nel novembre 2028. Negli ultimi dieci anni, nella metropoli catalana, gli affitti sono aumentati di quasi il 70 per cento e il costo degli immobili in vendita di quasi il 40 per cento. Ma, come detto, è un problema che investe tutte capitali europee e le città d’arte. Dove c'è turismo, non ci sono più case in affitto a prezzi sostenibili. E si sa quanto il lago di Como e il suo capoluogo siano una meta sempre più richiesta.

La decisione del sindaco socialista Jaume Collboni è chiarissima: "A partire dal 2029, a Barcellona non ci saranno appartamenti turistici così come li abbiamo conosciuti sino a oggi. La situazione non cambierà da un giorno all’altro, questi problemi richiedono tempo. Ma con questo provvedimento segniamo una svolta. Così verranno reimmesse sul mercato 10mila case in soli 5 anni". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turismo, l'esempio di Barcellona: dal 2028 adddio affitti brevi
QuiComo è in caricamento