rotate-mobile
Domenica, 29 Maggio 2022
Dario Alemanno

Opinioni

Dario Alemanno

Responsabile QuiComo

L'Italia ha chiuso lo spazio aereo alla Russia: ripercussioni economiche per il turismo sul lago

Probabile pioggia di disdette delle prenotazioni effettuate già da mesi dai turisti russi

Il settore turistico di tutta Italia attendeva la fine delle restrizioni per il covid e chiedeva a gran voce l'eliminazione del green pass. Proprio mentre all'orizzonte si intravedeva un raggio di luce, lo scoppio della guerra Russia-Ucraina ha cominciato a far sentire le sue prime conseguenze a distanza. Conseguenze che investono anche il territorio comasco. Certo, se fossero solo queste ci sarebbe da metterci la firma, perché in sostanza si tratta solo del rischio di vedere cancellare le numerose prenotazioni effettuate dai turisti russi già da mesi.
Si sa, il mercato russo rappresenta una delle fette che fa più gola al settore turistico di lusso del Lago di Como. La chiusura dello spazio aereo alle compagnie russe potrebbe privare di questa preziosa risorsa un segmento economico che negli ultimi due anni ha sofferto non poco a causa della pandemia. Resta da vedere se e quando tale misura verrà disapplicata. Bisogna attendere l'evoluzione dei fatti sperando che la diplomazia internazionale ottenga i risultati non ottenuti finora. In caso contrario quella delle cancellazioni dei viaggi e delle prenotazioni dei turisti russi potrebbe essere l'ultimo dei problemi. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

L'Italia ha chiuso lo spazio aereo alla Russia: ripercussioni economiche per il turismo sul lago

QuiComo è in caricamento