Martedì, 26 Ottobre 2021
Maurizio Pratelli

Opinioni

Maurizio Pratelli

Collaboratore QuiComo

Il cerchio infernale delle auto: Como e il suo girone dantesco

Se la simpatia per il diavolo diventa un sospetto

Un'altra mattina di ordinario caos. L'ennesimo serpente di ferro bloccato per ore nel girone infernale di Como. Basta una solo mezza arteria chiusa al traffico, oggi ancora via Borgo Vico. per rendere impossibile un transito appena scorrevole. Quello di oggi è l'ennesimo segnale che nelle ore di punta la circolazione può diventare un vero e proprio incubo. Una trappola in cui tutti - mezzi pubblici compresi - rimangono prigionieri, ostaggi di un cantiere o di un guasto.

Un girone dantesco senza vie d'uscita, travolti dalll'infinita attesa di arrivare al traguardo dopo ore di coda a passo d'uomo. Raggiungere Como da qualsiasi direzione, o anche solo attraversarla, può diventare un vero e proprio inferno. E quella di oggi non è nemmeno una novità. Già lo scorso luglio, a causa dell'improvvida apertura di un nuovo cantiere in via Borgo Vico, aveva messo a durissima prova la città. tanto che i lavori furono subito sospesi. 

Tuttavia il problema che affligge Como è ben più generale e riguarda la gestione del traffico: manca insomma una visione viabilistica lungimirante. Troppi cantieri tutti insieme e troppi problemi mai risolti, basti pensare ad esempio al viadotto dei Lavatoi. Pe non dire delle piste ciclabili mai realizzate. E se già la circolazione è un incubo quotidiano, figuriamoci quale inferno può diventare quando una strada importante viene chiusa all'improvviso anche solo per poche ore.

Il vero problema di questa città, anche qui, è sempre lo stesso: cercare di arginare le sue ferite senza mai curarle. E alla fine, appena i cerotti saltano, siamo da capo. Ovvero senza un piano del traffico aderente all'anno in cui viviamo e soprattutto alla configurazione viaria della nostra città. Insomma siamo sempre in eterno ritardo, un po' come se la politica amasse viaggiare allo stesso ritmo del traffico cittadino. Sarà simpatia per il diavolo? 

Si parla di
Sullo stesso argomento

Il cerchio infernale delle auto: Como e il suo girone dantesco

QuiComo è in caricamento