"Virus Cina, se avete sintomi influenzali rivolgetevi al vostro medico di famiglia"

Spata (Ordine dei Medici di Como): "Situazione da non sottovalutare, ma gli allarmismi sono inutili"

"La situazione non è da sottovalutare, ma Ministero e Regione hanno dato tutte le opportune indicazioni e sono già stati attivati tutti i protocolli del caso". E' un invito a non creare e diffondere eccessivi allarmismi, quello del presidente dell'Ordine dei Medici di Como, Gianluigi Spata, ma allo stesso tempo è un invito a seguire alcune indicazioni. Del resto il coronavirus fa paura e qualche consiglio può senz'altro aiutare le persone a tranquillizzarsi e a valutare il fenomeno per quello che è.

Gianluigi Spata-2

"Innanzitutto bisogna adottare gli stessi accorgimenti che si adotterebbero nel caso di una normale influenza contagiosa - ha spiegato Spata - cioè avere cura dell'igiene, soprattutto delle mani, ed evitare la vicinanza con persone potenzialmente infette". Ma cosa ancora più importante per Spata è evitare di rivolgersi ai pronto soccorso degli ospedali in presenza di sintomi influenzali: "Il punto di riferimento deve essere il medico di famiglia. E' a lui che bisogna rivolgersi, o al pediatra nel caso di bambini".
Inutili, inoltre, le vaccinazioni: "Innanzitutto perché non esiste ancora un vaccino per il coronvirus, poi perché ormai siamo fuori dal periodo in cui bisognava vaccinarsi per l'influenza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, anche Natale e capodanno in casa: ristoranti chiusi, il nuovo Dpcm cambia direzione

  • Como, litiga con la moglie e cammina per 450 chilometri per smaltire la rabbia

  • Lockdown di Natale: dal 20 dicembre al 10 gennaio tutti a casa

  • Cantù, Lidl chiuso fino al 29 novembre per aver violato il Dpcm. Le scarpe non c'entrano nulla

  • Zona arancione, cosa si può fare a Como da domenica 29 novembre

  • Como in zona arancione da domani o dal 4 dicembre? Ma cambia poco

Torna su
QuiComo è in caricamento