rotate-mobile
Salute

Due nuovi casi di virus Dengue in Lombardia

Al via la campagna di screening nel Milanese e nel Lodigiano

Identificati a Castiglione d'Adda due nuovi casi di infezione da virus Dengue, trasmesso dalla zanzara tigre. A essere stati infettati sono una bambina, attualmente ricoverata in condizioni non gravi all'ospedale di Lodi, e un sessantenne, guarito e già tornato al lavoro.

Chi sono gli infetti

Entrambi risiedono non lontano dal primo soggetto infettato dal virus. Si tratta di 3 casi di infezione non legata a viaggi in paesi dove la malattia è endemica e, considerato il tempo di incubazione della malattia, è da ritenere che abbiano avuto un'origine contemporanea o comunque siano tutti insorti precedentemente agli interventi di disinfestazione. In questa logica è anche possibile il riscontro di successivi ulteriori casi senza che gli stessi mettano in dubbio la piena efficacia dell'intervento di disinfestazione.

Come riconoscere la malattia

"L'infezione in molti casi è asintomatica - ha spiegato l'assessore regionale al Welfare, Guido Bertolaso - per cui spesso la malattia non si manifesta e la guarigione avviene spontaneamente. Per verificare l'eventuale esposizione al virus di altri abitanti di Castiglione d'Adda abbiamo quindi organizzato un'ulteriore analisi: i cittadini, in maniera volontaria e gratuita, potranno recarsi presso la Casa di Comunità di Codogno per sottoporsi a un prelievo di sangue. L'esame permetterà di capire se si è entrati in contatto con il virus attraverso l'analisi degli anticorpi".

Come sottoporsi allo screening

Sarà possibile sottoporsi allo screening, proposto da ATS Città Metropolitana in collaborazione con l'ASST di Lodi, venerdì 25 agosto, dalle 8 alle 16; sabato 26 agosto dalle 8 alle 12 e lunedì 28 agosto dalle 8 alle 16, con accesso libero presentandosi al Punto unico di accesso (PUA). Verrà condotta una prima analisi sugli anticorpi e ai pazienti con esito di infezione recente, sarà proposta una visita infettivologica ed eventuali approfondimenti diagnostici. L'analisi verrà condotta in collaborazione con IRCCS San Matteo di Pavia, centro di riferimento regionale per le arbovirosi.

L'importanza della prevenzione

In Lombardia finora sono stati riscontrati 18 casi di infezioni da virus Dengue, tutte legate a viaggi all'estero in luoghi dove la malattia è endemica, ad esclusione dei pazienti di Castiglione d'Adda. Risultano invece 51 i casi accertati di infezioni da virus West Nile. "Considerato che ormai la diffusione delle zanzare tigre è molto ampia nel nostro Paese - ha concluso l'assessore Bertolaso - occorre adottare misure di prevenzione per tutte le malattie di cui possono essere portatrici, non solo per il virus Dengue. Dobbiamo inoltre abituarci a utilizzare precauzioni per evitare le punture, proteggendoci con i repellenti anche di giorno perché non si tratta di insetti solo notturni". I Dipartimenti di Igiene e Prevenzione Sanitaria (DIPS) di ATS Città Metropolitana di Milano e ATS Valpadana hanno dato indicazioni ai Comuni per le attività di disinfestazione delle zone interessate individuate tramite inchiesta epidemiologica. Le azioni di disinfestazione sono in corso e prevedono un'estensione coerente con quanto definito da Piano nazionale di prevenzione, sorveglianza e risposta alle Arbovirosi (PNA) 2020-2025.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due nuovi casi di virus Dengue in Lombardia

QuiComo è in caricamento