rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Salute

Covid, rischio più alto per chi è carente di vitamina D: in quali alimenti si trova

Alcuni ricercatori israeliani hanno associato la carenza di vitamina D in pazienti Covid ospedalizzati a un aumento della gravità e della mortalità della malattia

In questi due anni di pandemia sono stati condotti numerosi studi sull’effetto protettivo della vitamina D nei confronti del Covid-19, sia in termini di cura che di prevenzione. Prima dell'arrivo del Sars-CoV-2, una meta-analisi del 2017 pubblicata su The Lancet aveva rilevato che l’integrazione di vitamina D è utile per la prevenzione delle infezioni respiratorie acute. Studi precedenti ancora avevano, inoltre, evidenziato un legame tra livelli più bassi di vitamina D e tassi più elevati di malattie respiratorie, come asma, tubercolosi o infezioni virali che compromettono i polmoni.

Ma sul Covid-19 i risultati delle ricerche sono ancora oggi incoerenti: alcuni studi hanno trovato un legame tra carenza di vitamina D e vulnerabilità al Covid-19 (in particolare un ricerca pubblicata sul Journal of American Medical Association Network Open aveva dimostrato che le persone con bassi livelli di vitamina D potevano avere fino al 60% di probabilità in più di risultare positive al coronavirus), mentre altri hanno concluso che la vitamina D non è protettiva. Questa vitamina gioca un ruolo importante nella fisiologia umana, perchè, oltre ad essere fondamentale nel metabolismo del calcio e delle ossa, esercita anche una funzione immunomodulante, cioè migliora la risposta immunitaria dell’organismo. Per questo motivo, medici e ricercatori hanno ipotizzato, sin dall'inizio della pandemia, che potesse avere, quando carente, un qualche ruolo anche nel determinare una malattia da Covid-19 più severa. 

A fornire nuove prove scientifiche sul vantaggio della supplementazione di vitamina D nel trattamento della malattia da Covid-19, gli scienziati israeliani della Bar Ilan University e del Galilee Medical Center. Lo studio, pubblicato su PLOS ONE, ha riscontrato come la mancanza di vitamina D aumenta significativamente il rischio di sviluppare una forma grave della malattia causata dal Sars-CoV-2.

Lo studio

Lo studio si basa su una ricerca condotta durante le prime due ondate della pandemia in Israele, prima che i vaccini fossero ampiamente disponibili. In particolare i ricercatori hanno analizzato i livelli di vitamina D di 253 pazienti ricoverati al Galilee Medical Center di Nahariya, in Israele, tra il 7 aprile 2020 e il 4 febbraio 2021, riscontrando una carenza di vitamina D più comune nei pazienti con malattia grave o critica (<20 ng/mL [87,4%]) rispetto agli individui con malattia lieve o moderata (<20 ng/mL [34,3%]). 

A giugno scorso i ricercatori hanno pubblicato i risultati preliminari dello studio mostrando che il 26% dei pazienti morti per Covid aveva una carenza di vitamina D (<20 ng/mL) prima del ricovero, rispetto al 3% con livelli normali, e che i pazienti con carenza di vitamina D (<20 ng/mL) avevano una probabilità 14 volte maggiore di avere una malattia grave  rispetto ai pazienti non carenti.

Carenza di vitamina D riscontrata nel 50% dei pazienti con Covid grave

I ricercatori hanno anche scoperto che circa la metà delle persone che erano carenti di vitamina D prima di contrarre il Covid ha sviluppato una malattia grave, rispetto a meno del 10% delle persone che avevano livelli sufficienti di vitamina D nel sangue. “I risultati - ha affermato il dott. Amiel Dror, del team di ricerca - suggeriscono che la  vitamina D  ha aiutato a rafforzare il sistema immunitario dei pazienti per combattere il virus che ha attaccato il sistema respiratorio. Questo vale per Omicron come per le varianti precedenti”.

Dove viene prodotta la vitamina D 

La maggior parte della vitamina D (80%) viene prodotta dalla cute per effetto dei raggi UVB, mentre il restante 20% proviene dall’alimentazione (pesce azzurro, tuorlo d’uovo, latte e formaggio) o dalla supplementazione, e viene immagazzinata nel fegato e nel tessuto adiposo.

I livelli ottimali di vitamina D

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention, I livelli di vitamina D superiori a 20 nanogrammi per millilitro sono considerati sufficienti per la maggior parte delle persone, valore di riferimento utilizzato anche dai ricercatori della Bar-Ilan University e del Galilee Medical Center. Una carenza di vitamina D si verifica, invece, con valori inferiori a 10 ng/ml, una insufficienza con valori dai 10 ai 30 ng/ml, e una tossicità con valori oltre i 100 ng/ml.

La carenza di vitamina D è solo un cofattore

Nonostante i risultati della ricerca israeliana, non si può dire ancora se bassi livelli di vitamina D inducano le persone con Covid-19 a sviluppare una forma grave della malattia, perché le cause che riducono i livelli di vitamina D possono anche rendere le persone più vulnerabili al Covid grave, ad esempio. “Così la carenza di vitamina D - hanno detto i ricercatori - è solo un pezzo del complesso puzzle alla base del Covid grave, oltre ad altri fattori come comorbidità, predisposizione genetica, abitudini alimentari e fattori ambientali. Per questo la nostra ricerca deve essere approfondita con ulteriori studi,per indagare se e quando l'integrazione di vitamina D nei soggetti carenti influisce sull’evoluzione della malattia”. 

La ricerca, quindi, non dimostra che la vitamina D protegge dal Covid. La supplementazione di questa non può essere uno strumento che sostituisce i vaccini che, invece, riducono del 90% (come dimostrano gli studi) il rischio di ospedalizzazione, dopo il terzo richiamo. Tuttavia valori nella norma di vitamina D, aiutano il sistema immunitario. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, rischio più alto per chi è carente di vitamina D: in quali alimenti si trova

QuiComo è in caricamento