Coronavirus, due casi a Turate e Montano Lucino

Avviso del sindaco Oleari su Facebook: "Il problema è vicino a noi"

Confermato un caso positivo al coronavirus per un cittadino residente a Turate e un altro per un rersidente di Montano Lucino. A darne notizia sono gli stessi primi cittadini di Turate, Alberto Oleari, e di Montano Lucino, Alberto Introzzi.

Buonasera a tutti i cittadini,
in data odierna ATS Insubria mi ha comunicato la positività al tampone del Coronavirus di un paziente residente a Turate.
Il personale sanitario dell'ATS si è mosso prontamente per far fronte alla situazione, seguendo quanto previsto dal protocollo, sia per il paziente, che per i familiari conviventi, che per le frequentazioni del paziente.
Questa situazione ci deve rendere consci della portata e della vicinanza del problema e ci deve essere da stimolo per affrontarlo con maggior consapevolezza.
Per tal motivo non posso fare altro che ribadirvi le indicazioni fornite nei precedenti messaggi e invitarvi, in caso di dubbi o problemi a contattare i seguenti numeri:

NUMERO VERDE REGIONE - Coloro che riscontrano sintomi influenzali o problemi respiratori non devono andare in pronto soccorso, ma devono chiamare il numero verde unico regionale 800.89.45.45 che valuterà ogni singola situazione e spiegherà che cosa fare.
Per informazioni generali chiamare invece il 1500, numero di pubblica utilità attivato dal Ministero della Salute.

INDICAZIONI PER LA CITTADINANZA
Si richiama tutta la popolazione all'osservanza delle misure di prevenzione minime, già ampiamente fornite e che trovate anche sul sito del Comune di Turate.

In ogni caso si sollecita tutta la popolazione a mettere in atto anche le ulteriori misure di prevenzione, evitando luoghi affollati e mantenendo distanza di almeno 1 metro dalle altre persone.

Soprattutto per le persone più anziane (over 65), limitare le uscite a quelle strettamente necessarie.

Si invitano poi negozi, bar, ristoranti, supermercati a mettere in atto tutte le possibili misure organizzative tali da consentire un accesso contingentato o comunque idoneo ad evitare assembramenti di persone (tenuto conto delle dimensioni e delle caratteristiche del locale), e tali da garantire agli avventori la possibilità di rispettare la distanza tra loro di almeno 1 metro.

Contiamo sulla massima collaborazione di tutti i cittadini, per il bene della comunità e dei nostri familiari.

Il Sindaco Alberto Oleari

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A Como la gara a chi mangia più arrosticini: il record da battere è 51

  • I 7 migliori ristoranti dove mangiare etnico a Como

  • Studente positivo al covid al liceo Giovio di Como. E adesso cosa succede?

  • Ridha Mahmoudi, l'assassino di don Roberto

  • Incidente sulla A9 in direzione Como a causa di un cervo: lunghe code

  • Il piano segreto dell'Italia per invadere la Svizzera

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
QuiComo è in caricamento