Como, la spesa al tempo del coronavirus, torna il pane fatto in casa: boom di acquisti di farina

Nella spesa c’è attenzione alla conservabilità

Si passa molto tempo in casa e anche le uscite per andare a fare la spesa al supermercato sono centellinate per limitare il più possibile il contatto con gli altri. Ecco che, come fa notare Coldiretti Como Lecco, anche le abitudini in cucina cambiano.  Boom per gli acquisti di farina, che salgono dell’80%, seguiti a ruota dal latte che segna un +20% nel volume di vendita. I due cibi entrano quindi con decisione nella top ten dei prodotti alimentari più acquistati dagli italiani nelle settimane dell’emergenza coronavirus. 

E’ quanto afferma Coldiretti Como Lecco a commento dell'indagine nazionale “la spesa degli italiani nel tempo del coronavirus" che  ha stilato l’elenco dei dieci prodotti alimentari più richiesti per riempire la dispensa nel periodo dal 24 febbraio all’8 marzo.

“Pane e pasta fatti in casa – commenta il presidente dell’organizzazione agricola Fortunato Trezzi – ma anche gnocchi di pane, biscotti, miasce, oltre alle ricette di una cucina “gustosa e di recupero” per ottimizzare quanto resta in frigo, dai fondi di carne e salumi che possono essere un’ottima base per la frittata rognosa o le polpette (i celebri mondeghili milanesi), mentre i formaggi avanzati divengono protagonisti della tradizionale polenta uncia. Uno stile di vita e alimentare che recupera le tradizioni ed è attento al rispetto delle norme che regolano queste settimane di emergenza”.

Se la farina con un balzo dell’80% rispetto alla media del periodo è stata il prodotto piu’ acquistato sul podio salgono anche – precisa la Coldiretti - carne in scatola con un aumento del 60% e i legumi in scatola con un balzo del 55%.

A finire nel carrello della spesa degli italiani sono stati soprattutto nell’ordine – continua la Coldiretti - la pasta con un +51% e il riso con un +39% ma si registra una crescita del 39% anche per le conserve di pomodoro mentre le vendite dello zucchero salgono del 28%, quelle dell’olio da olive del +22%, il pesce surgelato del 21% e il latte Uht del 20%.  Percentuali che – sottolinea Coldiretti Como Lecco – si confermano nelle nostre province: i lariani stanno premiando i prodotti essenziali e penalizzate le scelte di gola o tendenza, dagli aperitivi (-9%) alle creme spalmabili (-8%).

Una particolare attenzione è stata data anche dai consumatori, verso i prodotti Made in Italy, per sostenere la nostra economia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, drogava una bimba, abusava di lei e poi vendeva i video: emersi nuovi elementi

  • Ritrovato il corpo di Mattia Gandola, annegato nel lago del Segrino

  • Come si vive a Como? Ecco le risposte di alcuni abitanti: "Paesaggi bellissimi, ma è una città per vecchi"

  • Como, si sposano i due senzatetto Silvia e Alessandro: il primo incontro fu su una panchina 10 anni fa

  • La testimonianza: "In Svizzera il Covid vissuto con coscienza, in Italia la mascherina è più un bavaglio"

  • Doccia fredda per turismo e commercio a Como: la frontiera con il Ticino non riprirà il 3 giugno

Torna su
QuiComo è in caricamento