rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Attualità

World Opera Day 2021, una giornata all’insegna di tre temi: green opera, pari opportunità,  professionalità specifiche

Varie le iniziative del Teatro Sociale, sul fronte green e dell’accessibilità

Quest’anno il World Opera Day, promosso da Opera Europa, il network europeo dei teatri d’opera, di cui il Teatro Sociale di Como AsLiCo è socio attivo da molti anni, propone temi di grande attualità, nel contesto più ampio di Opera Reboot ovvero ‘Riavviare l’Opera’, a significare la ripresa delle attività dopo mesi difficili, in cui molte istituzioni hanno dovuto elaborare nuove modalità, per reinventarsi e riscoprirsi soggetti sempre più consapevoli e responsabili nella società contemporanea.
 
Tre sono i filoni suggeriti, a stimolare azioni di sensibilizzazione: green opera, intesa come quell’insieme di intenti che i teatri possono dedicare alla sostenibilità ambientale; pari opportunità, sul fronte dell’accessibilità; professionalità specifiche, da valorizzare nei singoli settori, con sempre nuove competenze a premiare il talento delle nuove generazioni. Altri ancora sono i temi ed i suggerimenti emersi, nelle frequenti riunioni interne ad Opera Europa; tra questi, alla luce dei recenti eventi che hanno colpito le popolazioni Afgane, è emersa la necessità di mostrare una solidarietà concreta nei confronti dei rifugiati.

barbara minghetti-2-2

“Il Teatro Sociale di Como” afferma Barbara Minghetti, Direttore della programmazione “da sempre accoglie tutti gli stimoli promossi da Opera Europa, e anche quest’anno le nostre iniziative sono state incluse nel calendario delle attività europee, comunicate a tutte le altre istituzioni, in diverse lingue.  Se già nel filone ‘green’, il Teatro Sociale di Como partecipa a diversi tavoli di lavoro internazionali, e per questo potenzierà la comunicazione in inglese, per favorire la condivisione di quanto sta promuovendo nell’ambito della transizione ecologica, il tema dell’accessibilità e di una solidarietà da manifestare nei confronti delle popolazioni Afgane, ci è sembrato ancor più attuale per questa giornata specifica.  Questo ci ha spinto a studiare un’iniziativa per le famiglie Afgane arrivate a Como, in un momento dedicato a loro, in palcoscenico, lunedì 25 ottobre alle ore 18.00, in cui cercheremo di iniziare un lavoro di mediazione interculturale, un primo segno tangibile, in una sequenza di altri tasselli, che porteremo avanti anche nei prossimi mesi. A questo proposito ringrazio la cooperativa Symplokè e l’associazione Eskenosen, che rendono possibile questo evento.  Il popolo Afgano è solo apparentemente lontano da noi, ma ha origini indoeuropee e persiane, da sempre sensibile alle arti e alla musica, per educazione e cultura, ed in queste discipline vanta una storia millenaria.”

Simona Roveda - Presidente AsLiCo Teatro Sociale di Como -ph_alessia_santambrogio-1 (1)-2

“Tutta Europa sta ora affrontando problematiche importanti riguardanti la sostenibilità ambientale, con studi e strategie non più procrastinabili.” afferma Simona Roveda, Presidente del Teatro Sociale di Como/ AsLiCo “Sono temi che anche i Teatri devono ora trattare in maniera strutturata e sistematica, non solo per implementare prassi e procedure virtuose, da imprese e aziende della cultura, con una filiera produttiva da migliorare e rendere sempre più virtuosa, ma anche con un ruolo molto più significativo, che sta prendendo forma: quello d’essere ambasciatori e veicolare messaggi tra i propri spettatori, i dipendenti, gli stakeholders, i partners, gli appassionati e gli artisti.”
 
Grazie alla preziosa collaborazione di artisti del territorio e della Scuola di Danza Classica del Teatro Sociale di Como verrà proposto un programma di circa un’ora, grazie al tenore Giacomo Leone, ai pianisti Giuseppe Califano  e Adriana Mascoli e al violinista Davide Alogna,  all’attrice Cristina Quadrio, e ai ballerini della Scuola di Danza coordinati dalla Direttrice Simonetta Manara: Akos Barat, Bianca Bugatti, Maurizia Cavatorta, Michela Gazzola, Sara Lamarucciola, Elisabetta Miragoli, Chiara Moglia, Benedetta Resteri, Roberta Sorso, Ginevra Tettamanti, Benedetta Zamboni.
 
Ad apertura del programma verrà eseguita una coreografia su Wiener Blut op. 354 di Johann Strauss, a seguire Una furtiva lagrima da L’Elisir d’amore di Gaetano Donizetti e E lucevan le stelle dalla Tosca di Giacomo Puccini, interpretata dal tenore Giacomo Leone, con Giuseppe Califano al pianoforte, e successivamente una sonata di Bach, per la tecnica e bravura del violinista Davide Alogna, e ancora canzoni tratte dal repertorio di Frank Sinatra, Édith Piaf e Mina, con innesti studiati per creare cammei dedicati alle canzoni tradizionali afghane e al teatro di figura.

WOD Programme highlights-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

World Opera Day 2021, una giornata all’insegna di tre temi: green opera, pari opportunità,  professionalità specifiche

QuiComo è in caricamento