Domenica, 24 Ottobre 2021
Attualità

Villa Olmo, 2.500 euro per "affittare" un pezzetto di parco per un mini evento teatrale: Comune nella bufera

L'ira dell'attrice Miriana Ronchetti: "Ecco l'aiuto che la nostra categoria riceve"

Quanto può costare a un'associazione culturale utilizzare un pezzetto di del retro-parco di Villa Olmo per un evento di lettura pubblica della durata di circa un'ora? Tanto, anzi di questi tempi troppo: 2.500 euro. E' questa la richiesta del Comune di Como che evidentemente non ha aggiornato tutte le sue tariffe per la concessione degli spazi pubblici adeguandole al periodo pandemico in cui molte categorie versano in pessime condizioni economiche.
Una simile richiesta è stata giudicata a dir poco scandalosa dall'attrice comasca Miriana Ronchetti che ha portato all'attenzione dell'opinione pubblica la vicenda che l'ha vista protagonista di una botta e risposta con il Comune di Como. Ecco il racconto, niente affatto smentito dall'Ente, fatto da Ronchetti sulla sua propria pagina Facebook:

Voglio rendervi partecipi dell'ultima risposta ricevuta dalla segreteria di Villa Olmo per conto del comune di Como che a fronte della mia richiesta di patrocinio (avviata un mese fa) della mia rassegna 11 edizione, pandemia covid 19 permettendo, per il 23 maggio a Villa Olmo,  mi invia  il modulo di prenotazione al costo tariffario di € 2500 per utilizzo di un minimo pezzetto di retro parco. Ecco l'aiuto del nostro comune in un periodo così difficile nei confronti della nostra categoria: TEATRO SPETTACOLO 
La richiesta di € 2500... mail da... senza nome, solo firmato "la segreteria". Non ce l'ha un responsabile?? 

Gentile signora Ronchetti,
facendo seguito alla richiesta di patrocinio all'evento Nivul e Sogn pervenuta dall'ufficio Cultura, dove si evince la realizzazione di una performance di canto, lettura e improvvisazione teatrale con 2 attori e 10 comparse il prossimo 23 maggio nel parco di Villa Olmo, si inoltra in allegato il modulo di richiesta, informando che per l'utilizzo del Parco è prevista la tariffa di € 2.500
Inoltre, poiché al momento le norme anti Covid non consentono lo svolgimento di eventi in presenza, non è possibile autorizzare l'utilizzo del parco di Villa Olmo.
Cordiali saluti La segreteria Villa Olmo 

Segue la mia risposta

Signori,
sono semplicemente disgustata dalla posizione in cui il Comune mi pone con la mia associazione; la folle richiesta da parte vostra di € 2500 per leggere un'ora, nel parco di Villa Olmo retro, senza nessuna strumentazione ne di fonica ne di luci ma solo con la nostra BRAVURA, per dedicare un lavoro al poeta Dante Alighieri per il quale sto lavorando da circa due mesi, è a dir poco vergognosa. Un evento gratuito a ingresso libero, all'aperto...che porterebbe solo onore alla città!
E' incredibile e spero tanto sia un ERRORE; una lettera oltretutto senza alcuna firma. Spero mi si dia una risposta almeno sensata. Lo farò girare su tutti i giornali. In un momento così terribile, dove tentiamo con tutti gli sforzi di far ripartire questa città con la nostra passione, il lavoro, la fatica. NOI ARTISTI mai e mal  pagati...venite a chiedere questa cifra con una lettera nemmeno firmata ?
Ma ...no no no non ci credo...mi vergogno di far parte di questo comune... Ditemi che è uno dei miei deliri.
Saluti    
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Villa Olmo, 2.500 euro per "affittare" un pezzetto di parco per un mini evento teatrale: Comune nella bufera

QuiComo è in caricamento