Como e il coronavirus: all'anagrafe 8 sportelli con vetro per il pubblico, ma si entra uno alla volta

Il sindaco: "Per ora le restrizioni vengono confermate solo per una settimana, ma attendiamo gli sviluppi"

Aggiornamento 25 febbraio.

C'è stata una nuova conferenza stampa in sala giunta, con il sindaco Landriscina, l'assessore Negretti e l'ingegner Ferro, in tarda mattinata.

Dato che esiste il rischio reale che si possano dover estendere i provvedimenti legati al coronavirus anche alla prossima settimana, l'Amministrazione si sta impegnando per identificare luoghi idonei a poter portare avanti i servizi fondamentali, garantendo la sicurezza dei lavoratori e dei dipendenti.

Tutti i servizi a Palazzo Cernezzi

Il luogo identificato come più idoneo è l'ufficio anagrafe in cui gli sportelli hanno un vetro che separa l'utente dal dipendente. Prima di entrare, ancora all'aperto, verrà fatta una preselezione dei casi e dei bisogni e, in base a questa, entrerà nell'ufficio un utente soltanto per ogni sportello.
Gli 8 sportelli finora dedicati all'anagrafe saranno così ridistribuiti:

  • 1 per i servizi cimiteriali;
  • 2 per l'erogazione delle carte d'identità e delle altre pratiche anagrafiche indispensabili;
  • 1 sportello per i servizi elettorali, visto l'avvicinarsi del referendum, per ora confermato;
  • 1 per i tributi ;
  • 1 per urbanistica edilizia;
  • 1 per Ztl e occupazione suolo pubblico, visto che lo sportello di via Odescalchi sarà chiuso;
  • 1 per i servizi al commercio.

Ci sarà invece un unico sportello nella sede della polizia locale per le procedure sanzionatorie.

Tutti i dipendenti hanno a disposizione i kit per mettere in pratica le 10 regole di comportamento dettate dalla sanità.

Vengono sospesi i mercoledì del cittadino. Per quanto riguarda invece gli altri servizi, il consiglio della Giunta è quello di cercare sempre la strada on-line invece che presentarsi agli uffici. A questo scopo è stata istituita una casella mail per quanto riguarda i servizi legati alla casa - ufficio.casa@comune.como.it - e un numero di telefono 031.252388

L’Urp è chiuso ma si può contattare via mail

Le autorità raccomandano di evitare lo scambio di abbracci e il contatto in generale e ricordano che è per questo motivo se in questi giorni agenti delle forze dell’ordine e impiegati pubblici non stringono la mano agli utenti.

Aggiornamento 23 febbraio

Il sindaco di Como, Mario Landriscina, ha incontrato i giornalisti nella sede del comando della polizia locale per dare ragguagli sulle misure che verranno adottate nei prossimi giorni in città come prevenzione al contagio da coronavirus.

Oggi e domani gli uffici del Comune di Como resteranno chiusi al pubblico salvo per i servizi essenziali, come disposto dall’ordinanza della Regione e del ministero della Salute. Si ricorda la raccomandazione di presentarsi in Comune solo per necessità improrogabili.

Sono aperti (solo per pratiche urgenti, si ricorda) l’Anagrafe, l’ufficio cimiteri per i servizi mortuari, il Protocollo, che sono stati concentrati nell’area dell’anagrafe di Palazzo Cernezzi. Aperti per urgenze anche i Servizi sociali nella loro sede in via Italia Libera secondo modalità gestite localmente.
Sono chiusi gli uffici della Polizia locale in via Odescalchi: per urgenze relative ai permessi contattare il comando della Polizia locale al numero 348 1336022.

Sono chiusi tutti gli impianti e i campi sportivi comunali, i musei, la biblioteca, Villa Olmo, le circoscrizioni.

Ci si può rivolgere al centralino (031 2521) per urgenze diverse che saranno indirizzate al singolo settore, e segnalo i numeri telefonici diretti di alcuni uffici per urgenze:

-    Numero verde Regione Lombardia (informazione Coronavirus) 800894545;
-    Ufficio Tributi Comune di Como – 031252497;
-    Polizia Locale di Como – 031265555;
-    Permessi ZTL- Numero per emergenze – 3481336022;
-    Numero ministero della salute – 1500;
-    Mail  Ufficio Relazioni Pubblico - urp@comune.como.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco cosa cambia se Como entra in zona arancione

  • Cantù, Lidl chiuso fino al 29 novembre per aver violato il Dpcm. Le scarpe non c'entrano nulla

  • Como, chiuso il bar Mitico: multati anche i clienti che consumavano sul posto cibi e bevande

  • Como in zona arancione da domani o dal 4 dicembre? Ma cambia poco

  • Como, anche Natale e capodanno in casa: ristoranti chiusi, il nuovo Dpcm cambia direzione

  • Zona arancione, cosa si può fare a Como da domenica 29 novembre

Torna su
QuiComo è in caricamento