rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Attualità

La lega dei Ticinesi chiede in prestito "il famoso carro attrezzi" a Rapinese e parte lo sfottò

Continua la polemica dei parcheggi

Continua la guerra dei parcheggi a colpi di foto e segnalazioni. Chi da Como fotografa targhe ticinesi in luoghi non consentiti e lo stesso succede in Ticino dove Lorenzo Quadri, della Lega dei Ticinesi è il primo a fomentare la polemica mettendo le foto sul suo pofilo Facebook. 

"Parcheggi azzurri abusivi. Nuova galleria fotografica di posteggi italici abusivi: sulle strisce pedonali (Chiasso), sul marciapiede di via Cortivallo a Lugano, su quello davanti al Casinò di Lugano. Notare che quest’ultimo veicolo, lo si vede benissimo, è targato COMO: si invita pertanto il sindaco Rapinese a mandare il famoso “carro attrezzi” per rimuovere l’auto del suo concittadino.

Tra le foto c’è tuttavia un intruso: il “van” posteggiato sulla fermata del bus alla stazione FFS di Bellinzona non ha targa italiana, bensì tedesca".

Sembrerebbe però che la gente si stia stufando di queste segnalazioni tanto che Quadri ha dovuto limitare i commenti che non erano tutti a suo favoe. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La lega dei Ticinesi chiede in prestito "il famoso carro attrezzi" a Rapinese e parte lo sfottò

QuiComo è in caricamento