rotate-mobile
Sabato, 25 Maggio 2024
La grande corsa

Stadio Sinigaglia, nuove pezze per la A. E poi?

La grande corsa per ottenere la deroga dalla Lega

Che la città di Como abbia da decenni seri problemi con i suoi impianti sportivi è cosa nota. Dalle piscine ai palazzetti fino allo stadio è un'eterna rincorsa a rappezzare la provvisorietà. Provvisorietà che spesso, vedi appunto la piscina olimpionica e il palazzetto di Muggiò, per i quali proprio ieri mattina il sindaco di Como ha presentato un nuovo progetto in Regione, si trasforma in fermo eterno. 

Ed è in questo panorama desolante che si affaccia, naturalmente, anche l'annosa questione dello Stadio Sinigaglia, lo storico impianto razionalista che ospita una piscina ferma da mesi ma che dovrebbe aver quasi terminato i suoi lavori di ristrutturazione. Dunque, ora che il Como ha ottenuto una magnifica promozione in serie A, la città dovrà dimostrare di averla ampiamente meritata non solo sul campo di gioco. 

stadio sinigagli foto mp 2

La situazione è assai complessa, perché quello che i tifosi definiscono "Lo stadio più bello del mondo", per via della sua magica posizione di affaccio sul lago di Como, è davvero messo male, al di là della sua striminzita capienza, attualmente di soli 7500 spettatori. Buona parte dei quali ospitati all'interno di una posticcia curva fatta di tubolari. Per giocare in casa la prossima stagione, il Como dovrà portare il Sinigaglia ad avere almeno 10.500 posti: solamente così potrebbe ottenere la deroga di un anno. Tale deroga verrà però concessa solo a condizione che contestualmente venga presentato anche un piano che indichi come portare poi lo stadio ad avere 12.000 posti, che è il livello minimo di capienza di Serie A, fornendo a corredo precise tempistiche. I tempi sono serratissimi, la scadenza è infatti fissata per martedì 4 giugno.

I lavori per la deroga

Ma quali sono i progetti possibili e i lavori da fare per recuperare quei 3.000 fatidici posti in più? Le ipotesi parlano di almeno due progetti. Il primo riguarderebbe il settore distinti con l'abbattimento della struttura in cemento ampiamente deteriorata e la realizzazione di un'altra tribuna di tubolari metallici, tecnicamente detti tubi innocenti, sulla falsa riga di quella già citata della curva dei tifosi azzurri. Quella di una nuova pezza è un'ipotesi tecnicamente percorribile ma che certamente dovrà confrontarsi con i vincoli e quindi ottenere l'autorizzazione della Soprintendenza.

stadio sinigagli foto mp 3

La seconda ipotesi passa attraverso un intervento strutturale sull’attuale tribuna in cemento per restituirla perfettamente a  norma. I costi sarebbero certamente più importanti e anche i tempi di realizzazione. Una bella idea se fosse poi collegata al futuro e si spera definitivo restauro dello stadio. Tuttavia i tempi strettissimi sembrano remare decisamente contro questa soluzione. Infine ci sarebbe l'idea di ampliare con nuove sedute anche due porzioni della curva ospiti. 

In questa grande corsa affinché il Como possa giocare il prossimo campionato di serie A in casa - nei giorni scorsi si è fatta persino l'ipotesi Svizzera almeno per le prime giornate - ci sono poi da progettare una serie di interventi legati alla sicurezza dentro e intorno allo stadio: cancelli divisori da sostituire con barriere più alte e resistenti; nuove cancellate di protezione lungo tutto il lato giardini.

stadio sinigagli foto mp 4

Il nuovo stadio

Il responsabile dell’area marketing del Como, Suwarso, qualche tempo fa parlando alla Gazzetta dello Sport del progetto, sulla question Stadio si era espresso in questi termini: “A breve la proprietà approverà il progetto da presentare al Comune. Non sarà uno stadio per il Como, aperto due o tre giorni al mese, ma per la città, con aree commerciali e sanitarie”. E a questo proposito aveva citato l'esempio del Gewiss Stadium:  “L’Atalanta ha fatto i lavori a blocchi senza risentirne. La volontà è quella di giocare qui”. Purtroppo in questa città volontà e realtà non si sono prese per mano molto spesso. Ma il calcio, si sa, è capace di miracoli. Iniziamo allora dalla deroga e dal fatto che la proprietà del Calcio Como ha dimostrato fin qui concretezza e idee chiarissime.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stadio Sinigaglia, nuove pezze per la A. E poi?

QuiComo è in caricamento