Il sindaco di Como ha firmato l'ordinanza per la chiusura di parchi e giardini

"Bisogna capire che l'unica vera arma che abbiamo è evitare il contagio"

Per contrastareulteriormente la diffusione del Covid-19 e alla luce dei comportamenti irresponsabili registrati ancora nella giornata di ieri nei confronti del rispetto delle norme di sicurezza sanitaria, il sindaco ha firmato l’ordinanza che da oggi e fino al 25 marzo dispone la chiusura di tutti i parchi recintati e dei cimiteri cittadini. Nei parchi non delimitati da recinzione è in ogni caso vietato l’assembramento ed è indispensabile rispettare le indicazioni del decreto del presidente del Consiglio dei ministri e raccomandate dalle istituzioni a tutti i livelli, a partire dalla distanza di almeno un metro dalle altre persone. Verranno naturalmente garantiti i servizi essenziali per quanto riguarda i cimiteri. Si è deciso di procedere alla chiusura totale di questi luoghi a cui accedono molte persone anziane per preservare la loro incolumità in quanto rappresentano una fascia di popolazione particolarmente a rischio. Il provvedimento è stato assunto di concerto con gli assessori al Patrimonio, ai Giardini e alla Protezione civile, in stretta collaborazione con i dirigenti dei settori coinvolti. Ancora una volta il sindaco richiama tutta la cittadinanza ad adottare comportamenti maturi e responsabili, con particolare riferimento all'evitare di uscire di casa e di spostarsi, derogando esclusivamente per le necessità primarie e urgenti. La decisione, quindi, è stata presa. Evidentemente le parole di ieri del sindaco, che riportiamo, non sono bastate.

Purtroppo ancora oggi si sono verificati numerosi assembramenti e troppa gente, anche di fasce di età molto diverse, circola imprudentemente non solo sul lungo lago, ma in molti quartieri della città. In alcune situazioni è intervenuta la polizia locale e analogo sforzo è condotto continuamente dalle altre forze di Polizia a cui dobbiamo grande riconoscenza per questo ulteriore impegno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Si richiama ancora una volta tutta la popolazione ad assumere comportamenti responsabili a tutela innanzitutto di se stessi ma anche di quanti, familiari, amici, conoscenti, possono essere coinvolti inconsapevolmente. Bisogna capire che l'unica vera arma che abbiamo è evitare il contagio! 
Rispettiamo e valorizziamo in questo modo anche l'enorme lavoro che, pagando un prezzo altissimo, tutti gli operatori della sanità stanno profondendo per salvare quante più vite possibile.

Restiamo a casa e favoriamo peraltro così il prezioso lavoro di quanti ci devono assicurare tutte quelle attività di cui non possiamo fare a meno. Restiamo a casa! Per rispetto e per amore di noi stessi e di chi ci sta a cuore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 10 migliori rifugi sul Lago di Como

  • Quattro ristoranti? Di più, ecco chi sono i master chef lariani

  • L'Orrido di Nesso, la cascata che fa paura e rumore quando piove

  • Canzo, ecco dove vive ancora lo Spirito del bosco: la camminata che vi porterà in un mondo incantato

  • Cavallasca, uomo fuori controllo si aggira per le strade: la segnalazione

  • Lipomo, ladri alla concessionaria: rubano un'Audi da 100mila euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
QuiComo è in caricamento