Senzatetto in via Cadorna: nuovo incontro con i commercianti e i residenti

Il nuovo dormitorio di Como continua a far discutere

Via Cadorna

Anche la direzione dell'Azienda Sanitaria Lariana ha incontrato questo pomeriggio una delegazione di residenti e Claudio Casartelli di Confesercenti in rappresentanza dei commercianti di via Cadorna. La delegazione ha espresso la propria preoccupazione rispetto all'eventualità che lo stabile di via Cadorna venga destinato a dormitorio cittadino per il possibile degrado della via. Innanzitutto il direttore generale di Asst Lariana Fabio Banfi ha assicurato il trasferimento del Sert entro fine ottobre nella nuova sede in via Carso. 

Per quanto riguarda il tema dormitorio, Banfi ha ricordato di aver fornito la disponibilità all'utilizzo di una parte dello stabile di via Cadorna durante l'emergenza coronavirus, su richiesta dell'amministrazione comunale, per l'accoglienza di persone senza fissa dimora che in questo modo potevano essere facilmente monitorate in relazione all'eventuale insorgenza di sintomi o riscontro di positività asintomatica (al momento, peraltro, nello stabile non vi è alcun ospite). "È stato importante ascoltare le istanze della delegazione - osserva il direttore generale - e da parte nostra assicuriamo la massima disponibilità a ricercare congiuntamente con il Comune e la cittadinanza le più adeguate soluzioni".


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, anche Natale e capodanno in casa: ristoranti chiusi, il nuovo Dpcm cambia direzione

  • Como, litiga con la moglie e cammina per 450 chilometri per smaltire la rabbia

  • Lockdown di Natale: dal 20 dicembre al 10 gennaio tutti a casa

  • Zona arancione, cosa si può fare a Como da domenica 29 novembre

  • Allarme al Sant'Anna, 3 bambini colpiti dalla sindrome di Kawasaki. Forse correlazione con covid

  • Como in zona arancione da domani o dal 4 dicembre? Ma cambia poco

Torna su
QuiComo è in caricamento