Scuola, non si entra con 37.5° e la febbre si misura a casa: il documento completo di Ats Insubria

Ecco il documento che riassume quanto stabilito da Ats per il rientro in aula nel nostro territorio

Lunedì 14 settembre per molti alunni di Como e di tutto il territorio Insubria, sarà la volta di ritornare sui banchi di scuola. Differenti le modalità dei vari istituti nel gestire la didaddica a distanza e quella in presenza, chiaro e completo, però il documento di Ats Insubria con le norme da seguire che vi consigliamo di leggere attentamente: PIANO SCUOLA 2020-2.

In sintesi non potranno accedere a scuola:

- gli studenti che hanno la febbre superiore a 37°.5

- chi proviene da paesi e zone a rischio dovrà attenersi alle procedure indicate dai decereti vigenti

- chi è stato a contatto con una persona positiva al Covid nei 14 giorni precedenti l'ingresso in aula

- chi è un caso confermato di Covid

La febbre dovrà essere misurata a casa, dai genitori, che in base al patto di Corresponsabilità tra scuola e famiglia non dovranno, in caso di temperatura superiore a 37.5° portare il figlio/a a scuola. 

Non sarà richiesta autocertificazione in merito e le scuole che sono riuscite ad attrezzarsi per la misurazione della temperatura dovranno utilizare termoscanner mantenendo le norme e le distanze come da legge. 

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, anche Natale e capodanno in casa: ristoranti chiusi, il nuovo Dpcm cambia direzione

  • Como, litiga con la moglie e cammina per 450 chilometri per smaltire la rabbia

  • Lockdown di Natale: dal 20 dicembre al 10 gennaio tutti a casa

  • Allarme al Sant'Anna, 3 bambini colpiti dalla sindrome di Kawasaki. Forse correlazione con covid

  • Zona arancione, cosa si può fare a Como da domenica 29 novembre

  • Como in zona arancione da domani o dal 4 dicembre? Ma cambia poco

Torna su
QuiComo è in caricamento