rotate-mobile
Martedì, 28 Maggio 2024
Attualità

In arrivo un nuovo sciopero generale dei trasporti venerdì 17 febbraio

L'agitazione proclamata a livello nazionale dal sindacato Usb lavoro privato: di nuovo un venerdì nero

Venerdì prossimo, il 17 febbraio, a Como, Milano e nel resto d'Italia va in scena lo sciopero generale generale dei lavoratori del settore del trasporto pubblico che rischia di causare disagi ai viaggiatori. L'agitazione, come riporta il sito dedicato del ministero delle Infrastrutture, è stata proclamata a livello nazionale dal sindacato Usb lavoro privato.

A Milano a incrociare le braccia per tutta la giornata potranno essere i lavoratori di Atm (attenzione ai pendolari). Al momento non sono ancora stati resi noti gli orari del blocco, ma è verosimile che saranno rispettate le consuete fasce di garanzia. I mezzi, come accaduto in passato, dovrebbero garantiti da inizio servizio fino alle 8.45 e dalle 15 alle 18, mentre durante tutto il resto della giornata potrebbero fermarsi. 

Lo sciopero a Como e provincia

Per quanto riguarda Trenord e Asf non sono ancora giunte comunicazioni ufficiali in merito. 

I motivi dello sciopero

A spiegare i motivi dell'agitazione è stato lo stesso sindacato Usb lavoro privato. Dopo un'assemblea generale che si è tenuta a Roma nelle settimane scorse, la sigla ha denunciato - si legge in una nota - "il susseguirsi di rinnovi contrattuali 'farsa', di aumenti salariali irrisori in cambio della crescente svendita dei diritti" e ha rilanciato "la necessità di rimettere al centro la qualità della mobilità cittadina e del lavoro, per un servizio pubblico sicuro e dignitoso che risponda in modo efficiente alle reali esigenze dei territori in un contesto di lavoro sano e rispettoso degli operatori del settore". 

Da qui la rivendicazione di una "parificazione contrattuale tra aziende pubbliche e private" e le richieste di "una nuova scala parametrale che garantisca aumenti salariali e annienti le penalizzazioni economiche ai nuovi assunti", della "diminuzione dell’orario di lavoro a 35 ore settimanali a parità di salario" e di "una maggiore tutela sulla sicurezza e salute sul lavoro". Da Usb, annunciando l'agitazione, hanno bollato come "grave l’operato del governo Meloni che infligge ulteriori tagli al fondo nazionale dei trasporti per circa 356 milioni di euro nel triennio 2023/2025". 

Quindi ecco le richieste: la "cancellazione degli aumenti delle tariffe dei servizi ed energia" con "congelamento dei prezzi dei beni primari e dei combustibili", "il superamento dei penalizzanti salari d'ingresso garantendo l'applicazione contrattuale di primo e secondo livello ai neoassunti", la "necessità di modificare l'ossessionante e vizioso criterio che, inneggiando al risparmio, brucia fior di soldi pubblici attraverso appalti e subappalti ad aziende che offrono servizi di scarsa qualità e lavoro sottopagato". 

E ancora lo sciopero servirà per chiedere "la sicurezza dei lavoratori e del servizio" con "l'introduzione del reato di omicidio sul lavoro", "il salario minimo per legge di 10 euro l’ora contro la pratica dei contratti atipici e precariato", "il libero esercizio del diritto di sciopero nei servizi pubblici essenziali" e "il blocco delle spese militari e dell’invio di armi in Ucraina, nonché investimenti economici per tutti i servizi pubblici essenziali".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In arrivo un nuovo sciopero generale dei trasporti venerdì 17 febbraio

QuiComo è in caricamento