Venerdì, 22 Ottobre 2021
Attualità

La satira contro i lavori al molo di Sant'Agostino: la poesia in rima di un anonimo pescatore

Proprietari delle barche preoccupati per i tempi: il cantiere sembra procedere troppo a rilento

C'è già chi ironizza sui tempi del cantiere del molo di Sant'Agostino. Sebbene il termine di conclusione dei lavori sia stato previsto per il 20 di giugno qualche utente del molo, al quale è stato chiesto di rimuovere la barca entro lo scorso 7 aprile, è assai scettico riguardo la possibilità che tale termine sia rispettato, visto che operai al lavoro si sono visti davero poco.  Un pescatore che chiede di restare anonimo ha inviato alla redazione di QuiComo una piccola e simpatica poesia in rima. Eccola.

Se hai la barca al porto del Csu
La togli una volta e non la metti più,
Con i lavori pubblici che han tempi biblici,
Solo un Santo ti può salvare,
E magari trovare un angolo per ormeggiare.
Infuriate le persone al rimessaggio,
Ma per l'amministrazione quel pontile non è un miraggio! 
La scadenza è ormai a due passi
Ma han tolto le erbacce e 4 sassi.
Forse siamo noi i coglioni,
Cche vediam scavare pozzi e pozzoni,
Cercando di trovare le soluzioni,
Ma con le imprese a prezzi buoni,
Ci sono operai specializzati,
Con mezzi non targati,
Operai con molta scuola,
Con un secchio e la cazzuola...
Ormai alle porte anche l'estate ,
Con le barche in prigione rimessate,
E nel frattempo tutto tace,
E ogni utente non acquista pace...

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La satira contro i lavori al molo di Sant'Agostino: la poesia in rima di un anonimo pescatore

QuiComo è in caricamento