menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

RSI, dipendenti frontalieri a casa fino al 15 marzo

Diversi i comaschi impegnati nell'emittente della Svizzera Italiana

In Svizzera sono ormai 11 i cantoni toccati dal coronavirus e anche se il primo paziente, un ticinese, è già stato dimesso, continuano le manovre pubbliche e private per restringere il rischio di contagio.

Questa volta tocca alla RSI, la radio e tv della Svizzera italiana che ha deciso di lasciare a casa i dipendenti provenienti da Lombardia, Piemonte e Veneto e tutti quelli che abbiano soggiornato in queste zone recentemente, indipendentemente dalla loro residenza.
Se la mansione lo permette, allora via alla modalità smart working, con il lavoro che si svolgerà da casa fino al 15 marzo. Per quei ruoli che invece sono strutturalmente legati alla presenza in ufficio invece niente: i dipendente staranno semplicemente a casa.

La RSI fa sapere che tutti coloro toccati da questo provvedimento continueranno a percepire normalmente lo stipendio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Lombardia in zona gialla (rafforzata) dal 26 aprile: cosa riapre

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento