rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Attualità Cantù

La proposta di celebrare il Ramadan in chiesa a Cantù per Molteni è "offensiva"

"Una provocazione irresponsabile nei confronti della città"

La proposta, al momenti solo un'ipotesi, di celebrare il Ramadam nella chiesa di Cantù non è piaciuta a tutti, anzi. 

“Una proposta irrispettosa dei valori e della cultura occidentale”: queste le parole del sottosegretario di Stato al ministero dell’Interno, il canturino Nicola Molteni, sull’ipotesi di utilizzare la chiesa di Santa Maria a Cantù, per celebrare il prossimo Ramadan.

“Finché le comunità islamiche non sottoscrivono le intese con lo Stato italiano, ai sensi dell’articolo 8 della Costituzione, nulla è dovuto men che meno una chiesa. – scrive Molteni in una nota – Ritengo dunque che sia una proposta offensiva, una provocazione irresponsabile nei confronti della città e della comunità cattolica canturina che non passerà: non abdicheremo mai ai nostri valori occidentali e a difendere i luoghi sacri della Cristianità, perché il relativismo culturale non vincerà mai”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La proposta di celebrare il Ramadan in chiesa a Cantù per Molteni è "offensiva"

QuiComo è in caricamento