Attualità

Muggiò non riapre: la piscina fa acqua da tutte le parti

Il vertice tra Comune di Como e Federnuoto non ha dato esiti positivi

Piscina Muggiò

Nonostante le proteste culminate nel sit-in della scorsa settimana, la piscina di Muggiò non riapre. L'atteso vertice tra il Comune di Como e Federnuoto non ha dato gli immediati esiti positivi che in molti attendevano. Il problema, l'ultimo tra i tanti, è quello che si è aggiunto lo scorso dicembre, ovvero una perdita d'acqua rilevata dai tecnici durante un sopralluogo e non ancora risolta. Alla stato attuale, quindi, nessun passo in avanti: L'impianto olimpionico resta chiuso e una data di apertura al momento non è ancora ipotizzabile. Ragion per cui, un migliaio di atleti e le loro famiglie restano costretti a migrare altrove per svolgere i loro allenamenti e gare di nuoto e pallanuoto. 

Il comunicato congiunto

"Oggi si è svolto un incontro tra l’amministrazione comunale e la Fin sul tema della piscina di Muggiò. L’incontro è stato proficuo e ci si è confrontati sui contenuti della convenzione. La sottoscrizione della convenzione è però strettamente connessa alla risoluzione del problema della perdita di acqua dalla vasca di compenso. Gli uffici del Comune in questo momento sono impegnati a risolvere la problematica. È stata in ogni caso confermata la volontà comune di arrivare alla sottoscrizione dell’accordo nei tempi più brevi possibili, una volta risolto il problema della perdita".
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Muggiò non riapre: la piscina fa acqua da tutte le parti

QuiComo è in caricamento