Prime immagini dal Sant'Anna: pazienti sui lettini all'ingresso delle ambulanze

Sospetti casi di contagio in attesa di ricovero

Chi pensava che Como e provincia fossero meno toccate dal coronavirus, dovrà ricredersi e alla svelta. I numeri di pazienti ricoverati all'ospedale Sant'Anna di San Fermo della Battaglia sta aumentando vertiginosamente. L'ospedale ha dovuto allestire l'area - cosiddetta "camera calda" - per far sostare, per così dire, i pazienti che si sospetta fortemente siano stati contagiati dal COVID-19. Quest'area, come mostra la foto che pubblichiamo, è stata allestita niente meno che nell'area di ingresso delle ambulanze. Si tratta, ad ogni modo, di una scelta ponderata poiché tale area si trova in prossimità del pronto soccorso. Ovviamente i casi di sospetto coronavirus non possono in nessun modo entrare in contatto con pazienti affetti da altre patologie o problematiche di salute.
La foto è stata scattata dall'interno ma la persona che l'ha realizzata è al momento sconosciuta. Si sa solo che tale foto è cominciata a circolare su Facebook e su WhatsApp. Le nostre verifiche hanno confermato che si tratti proprio dell'area di ingresso delle ambulanze. La sala, stando a quanto appreso da fonti non ufficiali, è riscaldata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'ospedale ha fatto sapere quanto segue: "Di fronte all'aumento degli accessi in Pronto Soccorso di pazienti potenzialmente sospetti di positività al coronavirus e per evitare la promiscuità con altri pazienti, si è reso necessario, all'ospedale Sant'Anna, utilizzare la cosiddetta camera calda. Un'area sì abitualmente destinata ad altri scopi ma predisposta per essere utilizzata in caso di emergenza. Un luogo riscaldato, protetto, sicuro. Medici, infermieri, direzione e tutto il personale sono impegnati a fronteggiare di ora in ora la situazione.
E all'emergenza - perchè di questo stiamo parlando, e di un'emergenza che non sta riguardando solo como e il nostro territorio - si deve rispondere subito".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 10 migliori rifugi sul Lago di Como

  • Quattro ristoranti? Di più, ecco chi sono i master chef lariani

  • L'Orrido di Nesso, la cascata che fa paura e rumore quando piove

  • Canzo, ecco dove vive ancora lo Spirito del bosco: la camminata che vi porterà in un mondo incantato

  • Cavallasca, uomo fuori controllo si aggira per le strade: la segnalazione

  • Alserio, al via la Sagra dei sapori della Montagna: la prima mangiata d'autunno

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
QuiComo è in caricamento