Venerdì, 22 Ottobre 2021
Attualità

Le Olimpiadi invernali tracciano la Lombardia del futuro

La Regione a caccia di fondi per le infrastrutture, sul tavolo con il ministro anche la tangenziale di Como

Si è svolto ieri l'incontro tra il Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili, Enrico Giovannini, e il presidente della Regione Lombardia per fare il punto sui nuovi interventi nel campo delle infrastrutture e della mobilità da realizzare in Lombardia, finanziati con le risorse del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr), del Fondo Complementare e le altre risorse europee e nazionali, per coordinarli con le esigenze della Regione.

L'incontro segna l'inizio di una serie di appuntamenti il cui calendario verrà definito a breve."Si avvia così il primo dei tavoli di confronto che ho chiesto di attivare con le singole Amministrazioni regionali e Province autonome per un coordinamento strategico delle iniziative di competenza statale e territoriale", ha affermato il Ministro Giovannini. "La collaborazione istituzionale è fondamentale - ha aggiunto - per affrontare al meglio un'occasione unica per il Paese, per rilanciare gli investimenti e costruire un futuro migliore e più sostenibile per le prossime generazioni".

"Siamo pienamente soddisfatti dagli esiti di questo primo incontro" ha commentato il presidente della Regione Lombardia. "Con il Ministro Giovannini condividiamo il metodo di lavoro che punta a una concreta collaborazione che ha come unico obiettivo - ha concluso il governatore - quello di dare risposte rapide e puntuali alle richieste che giungono dai territori. Dai cittadini e da chi fa impresa in quelle che sono spesso il cuore pulsante della produzione e quindi dell'economia lombarda".

Nella riunione le parti hanno condiviso i temi da affrontare nel percorso intrapreso. Il presidente della Regione, che aveva al suo fianco l'assessore regionale alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile, ha posto l'attenzione sulla necessità di alcuni potenziamenti infrastrutturali. In particolare, sono state rappresentate le esigenze sul collegamento stradale Cremona-Mantova, tra la statale briantea e l'autostrada in provincia di Varese e sulla tangenziale di Como, nonché sugli investimenti di Rfi sulla rete ferroviaria lombarda e la ristrutturazione della stazione di Bergamo.

Al centro del confronto anche le Olimpiadi invernali Milano Cortina 2026 e l'esigenza di rendere quanto prima operativa la Società Milano Cortina 2026, per la realizzazione degli interventi infrastrutturali necessari per l'evento sportivo. Il Ministro e il presidente hanno quindi condiviso di avviare un percorso comune, anche a livello tecnico, per individuare gli strumenti di cooperazione più efficaci per la realizzazione di un sistema di mobilità effettivamente innovativo e rispondente alle esigenze dei cittadini e delle imprese. 


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le Olimpiadi invernali tracciano la Lombardia del futuro

QuiComo è in caricamento